Indietro
menu
servono 320mila euro

Restauro sipario storico del Galli. L'affondo di Renzi (FdI)

In foto: un particolare del sipario
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 6 mag 2021 15:46 ~ ultimo agg. 16:55
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’Amministrazione di Rimini spende 12 milioni di euro per il Museo Fellini ma non trova 320.000 euro per il restauro del Sipario storico del Teatro“. Ad affermarlo il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Gioenzo Renzi che, durante l’ultima commissione comunale Bilancio, ha chiesto informazioni sul recupero dell’opera. Restauro legato al Progetto Art Bonus per una spesa di 320.000 euro. “Significa – afferma Renzi – che, per il restauro del Sipario ottocentesco e originario del Teatro, l’Amministrazione Comunale aspetta di reperire finanziamenti privati”.

Non è ancora stato avviato il restauro dello storico Sipario del Teatro raffigurante “Cesare al passaggio del Rubicone”, (tempera su tela di metri 17,70×11,30), opera di Francesco Coghetti (Bergamo 1802-Roma 1875), il pittore all’epoca più noto a Roma, chiamato dal Poletti a Rimini per dipingere il tema scelto del sipario, uno dei più pregiati e preziosi, era ammirato dal pubblico in sala fino all’ultimo istante prima dell’opera”.

Renzi, chiedendo di mettere al più presto mano al restauro del sipario, ne ripercorre la storia: già nel dicembre del 1937 il Consiglio Comunale di Rimini deliberò il restauro del sipario “dato lo scrostamento, sempre più vasto e di sempre più difficile ripresa, delle vernici e dei colori”, affidato al Prof. Enrico Panzini, riminese, che aveva restaurato dipinti della Pinacoteca civica. Il sipario fu salvato dalle distruzioni della guerra per merito del custode del Teatro, Aldo Martinini, che lo trasportò precauzionalmente a San Marino. Nel dopoguerra, è rimasto abbandonato per decenni, arrotolato e cosparso di borotalco, nel salone del Palazzo dell’Arengo, infine nei depositi comunali di Via della Gazzella, dove si trova ancora oggi.