Indietro
menu
l'esperimento

Il Silb incontra il Titano e propone un test-evento: "In discoteca previo tampone"

In foto: l'incontro sul Titano
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 4 mag 2021 17:41 ~ ultimo agg. 17:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un test-evento in discoteca al chiuso o all’aperto, dove entra solo chi è già vaccinato o chi ha ottenuto l’esito negativo di un tampone fatto almeno 48 ore prima. E’ l’esperimento al quale sta lavorando il Silb Emilia Romagna, che questa mattina con il presidente Gianni Indino ha incontrato il Segretario di Stato per il Turismo della Repubblica di San Marino, Federico Pedini Amati. L’idea è quella di organizzare un evento sul Titano: “In Repubblica – ha confermato Indinoc’è una grande voglia di valorizzare il turismo giovanile e l’intrattenimento notturno”.

Per il numero uno del Silb Emilia Romagna “ci sono tutte le prerogative per organizzare a San Marino un test sugli eventi, affiancandoci a quelli che proponiamo a Milano e Gallipoli, che avverrà sulla scia di quelli che sono già stati attuati in importanti città d’Europa per verificare se sia possibile fare ripartire il settore del divertimento allentando le misure restrittive che bloccano locali da ballo e spettacoli da oltre un anno”.

Proprio ieri il presidente nazionale del Silb, Maurizio Pasca, aveva spiegato: “E’ stato messo a punto un protocollo di sicurezza, sottoscritto da virologi come Lopalco e Bassetti, che sottoporremo all’attenzione del Cts”. In pratica nei test-evento le persone dovranno indossare la mascherina ma non sarà necessario mantenere il distanziamento sociale. Oltre all’ingresso consentito solo a chi è vaccinato o a chi ha un test negativo, le misure di sicurezza prevedono anche “la sanificazione dei locali, l’utilizzo di materiali monouso, e la tracciabilità attraverso l’acquisto dei biglietti online”.

Possibilista sulla fattibilità dell’esperimento il Segretario di Stato al Tursimo, Amati, che dice: “In questo primo incontro abbiamo ragionato su una possibile ripartenza del settore, fatto di eventi, discoteche, concerti. L’obiettivo comune e primario rimane sempre la sicurezza, dunque vogliamo portare avanti le iniziative con protocolli univoci insieme all’Italia e all’associazione dei locali da ballo, soprattutto legati all’utilizzo dei tamponi, considerando che in Italia le fasce di età di questo particolare target ancora non sono in larga misura coperte dai vaccini. Con protocolli chiari e rigidi da concordare, saremo pronti a proporre San Marino come terzo polo del test sugli eventi“.

 

Notizie correlate
di Redazione   
di Lucia Renati