Indietro
menu
Cattolica

Il nuovo lungomare secondo la candidata Foronchi: armonioso e verde

In foto: Franca Foronchi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 7 mag 2021 18:33 ~ ultimo agg. 8 mag 09:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un lungomare armonioso, inserito nel contesto cittadino, più verde e con la visuale libera sul mare. Questi alcuni aspetti del nuovo waterfront di Cattolica, secondo la candidata sindaco del centrosinistra Franca Foronchi. Da rivedere sotto diversi aspetti, spiega, il progetto dell’amministrazione. Fondamentale anche la condivisione del progetto con la città.

La nota di Franca Foronchi

Il Lungomare, per una città di costa come la nostra, è la cartolina della città. Racchiude in pieno il legame tra contesto urbano e mare, collegando tra l’altro il brulicante centro con la zona portuale. È un luogo importante tanto nei mesi caldi, quando diventa il fulcro della
vita cittadina, quanto nei mesi più freddi, ispirando passeggiate e riflessioni. Sono favorevole alla riqualificazione del Lungomare Rasi-Spinelli: il finanziamento della Regione Emilia-Romagna è un’occasione irripetibile per renderlo ancora più bello e funzionale. Ciò non toglie che si possa fare di meglio e, partendo dall’ascolto di cittadine e cittadini, nonché delle attività che insistono nella zona, insieme alla coalizione di centrosinistra ritengo che il progetto dell’Amministrazione vada rivisto sotto diversi aspetti.
Il Lungomare che vorrei è armonioso, inserito nel contesto cittadino e naturale. La frattura tra spiaggia e passeggiata del primo tratto fino via Verdi, attualmente rappresentata dal muretto e nel progetto dell’Amministrazione da una balaustra vetrata, dovrebbe essere
ricucita aprendo quanto più possibile verso il mare con soluzioni architettoniche che, tutelando le persone con difficoltà di movimento, permettano di rimuovere la barriera fisica e visiva esistente. Immagino, ad esempio, delle scalinate che permettano alle persone di aggregarsi, nonché delle aiuole di verde autoctono.
Il Lungomare che vorrei è, infatti, verde. Per andare contro il riscaldamento delle nostre città, è importante immaginare il verde come elemento fondamentale dei progetti di riqualificazione: oltre ad alberi ad alto fusto lungo la passeggiata, anche i giardini de
Amicis dovranno continuare ad essere caratterizzati come giardini, e non come piazza come nel progetto dell’Amministrazione. Un prato, tante aiuole, alberi a contornare così da restituire alla città uno spazio verde e di aggregazione. Nel Lungomare che vorrei, inoltre, la visuale del mare è pulita, libera. A chioschi permanenti di cemento, che costellano l’area dei giardini de Amicis e la passeggiata, preferisco soluzioni meno invasive, anche costruite con materiali eco-sostenibili. Ritengo che la condivisione sia un elemento fondamentale dell’azione amministrativa: per questo motivo, la proposta alternativa che, come candidata Sindaca per Cattolica, vi
presento unisce le molteplici esigenze della cittadinanza.

Notizie correlate
di Redazione