Indietro
menu
la ripartenza del turismo

Gnassi promuove il green pass nazionale: "Rimini è pronta, più di altre località"

In foto: il sindaco Andrea Gnassi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mer 5 mag 2021 14:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Bene il green pass nazionale che consente di recuperare quello svantaggio competitivo rispetto a Grecia e Spagna”. Il sindaco di Rimini Andrea Gnassi promuove l’iniziativa a favore del turismo lanciata dal presidente del consiglio Mario Draghi e colloca Rimini un passo avanti ad altre località grazie al lavoro anticipato di cambiamento e riqualificazione. Insomma, “Rimini è pronta ad accogliere turisti e offrire loro una vacanza sicura e ricca di eventi, con una spiaggia open space vivibile dall’alba sino a sera”.


Ecco il suo intervento integrale.

“Le parole di Draghi aprono finalmente un orizzonte nuovo per il turismo. Rimini è pronta a cogliere l’annuncio del presidente del consiglio Draghi quando, giocando d’anticipo sull’Europa, invita i turisti stranieri a venire in vacanza in Italia. Da metà maggio finalmente abbiamo una data certa da segnare nel calendario della ripartenza di uno dei settori più colpiti dalla pandemia. Avere un green pass nazionale, pronto già a partire da metà maggio, che dia regole semplici e chiare per garantire l’arrivo dei turisti europei, consente al nostro Paese di recuperare quello svantaggio competitivo rispetto ad altri paesi del Mediterraneo, come la Grecia o la Spagna, che rischiavano di metterci in ombra. Ripeto, regole semplici: non possiamo pensare a un pass che da opportunità si trasformi in problema, causa carichi burocratici o molteplicità interpretative (penso ad esempio alla questione quarantena), che ne annacquino o peggio elidano la natura originale. 

Rimini vuole e deve prepararsi alla ripartenza, guardando con ottimismo alla campagna di vaccinazione nazionale sulla quale il Paese ha impresso una decisa accelerata e confidando in una gestione dei fondi del recovery plan che guardi al futuro delle destinazioni turistiche. E Rimini è già oggi pronta più di altre località perché con il suo lavoro di cambiamento e riqualificazione ha anticipato quei processi che il Covid ha reso ancor più necessari e urgenti e che tutte le città dopo il Covid saranno chiamate a fare.   

Sedici chilometri di dune, vegetazione Adriatica, palestre a cielo aperto, foreste del mare e alberi-fontana ispirate a Gianni Rodari, l’investimento sull’ambiente, sulla mobilità sostenibile, sulla riqualificazione del centro storico, sono le scelte coraggiose che portano Rimini già oggi a essere avanti a qualsiasi destinazione turistica italiana, nella traiettoria indicata da Draghi e nella traiettoria delle nuove esigenze di chi vuole fare vacanza dopo l’allarme pandemia.   

Il cambiamento fatto è un processo e ora è già la base per il futuro, per conquistare una fetta dei 209 miliardi del PNRR. Nel Recovery Fund Rimini, assieme a poche città come Genova, Bergamo, Firenze, Roma e Palermo, è stata inserita al punto 3.3.6 Trasporto pubblico di massa. La misura prevede realizzazione di 195 km di rete attrezzata per il trasporto rapido di massa, con la cifra di 49 milioni per il Metromare dalla Stazione Centrale alla Fiera e Viserba. Se hai la forza di un progetto integrato, trovi le risorse.   

Come il grande progetto/processo di salute unica dove la partecipazione nei e dei quartieri della città si unisce a presidi sociosanitari diffusi vicini ai cittadini e, per alcuni quartieri, ai turisti che vengono.  

Nessuno pensa che si uscirà rapidamente dagli effetti della pandemia. Lo scorso anno il ciclone pandemia per il territorio riminese ha significato la perdita di 7 milioni e 200mila presenze presenze e un milione e 205mila arrivi rispetto al 2019. Per tornare ai livelli pre-pandemia ci vorrà tempo. Ma noi siamo pronti. Stiamo allestendo un importante calendario di eventi in sicurezza, dalle mostre, alle arene cinematografiche, alla Notte Rosa diffusa nello spazio e nel tempo, agli eventi sportivi che già nel mese di maggio porteranno Rimini al centro del calendario nazionale di diverse discipline, come la pallavolo. Abbiamo un’organizzazione della spiaggia davvero open space, con le distanze più ampie di altre destinazioni e la possibilità di vivere il mare come un luogo aperto dall’alba sino a sera. Abbiamo investito su una importante campagna di comunicazione nazionale, sulle principali emittenti televisive, con testimonial Stefano Accorsi, che abbiamo presentato oggi. L’invito ai turisti di tutto il mondo e l’annuncio di un Green Pass nazionale che anticipa quello europeo è quella grande occasione che i territori e gli operatori aspettavano per guardare con speranza al futuro dopo 15 mesi di stop”.