Indietro
menu
"Amministrazione miope"

Ex nuova Questura al Gruppo Conad. Renzi (FdI): doveva acquistarlo il comune

In foto: un intervento di bonifica
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 13 mag 2021 14:42 ~ ultimo agg. 14:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una amministrazione miope. Così il consigliere di Fratelli d’Italia Gioenzo Renzi commenta la notizia della vendita all’asta dell’immobile di via Ugo Bassi (costruito per realizzare la nuova questura) al Gruppo Conad per 4 milioni di euro.  “Avevo proposto – ricorda – nell’ottobre scorso, con un emendamento al DUP (Documento Unico di Programmazione), che l’Amministrazione Comunale acquistasse l’immobile, con una superficie di 23.000 mq e un ampio parcheggio, per realizzare la Sede Unica degli Uffici Comunali. Infatti – spiega Renzi –, il Comune spende per gli affitti circa 2 milioni di euro annui: un milione di euro solo per la locazione dell’immobile di Via Rosaspina, ed un altro milione per altri immobili affittati sparsi nella città. Per l’acquisto dell’immobile, nella procedura fallimentare, il Comune poteva vantare il credito di 7 milioni di euro, mentre per le spese di ristrutturazione poteva contrarre un mutuo da rimborsare con i 2 milioni di affitti annui risparmiati. Era un’operazione razionale che riuniva in una Sede Unica gli uffici comunali e conveniente per il bilancio comunale che capitalizzava i milioni di euro spesi in affitti passivi”. Ora, secondo il consigliere, il rischio è che dopo le prossime elezioni amministrative nell’area apra un altro Centro Commerciale “a discapito delle attività del Centro Storico e dei negozi di vicinato in generale, già in difficoltà” conclude.

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.