Indietro
menu
Un opuscolo in bolletta

Truffe e raggiri agli anziani. Carabinieri ed Sgr insieme per prevenirli

In foto: la presentazione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 9 apr 2021 16:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Truffe e raggiri sono all’ordine del giorno e le vittime, spesso, sono le persone anziane. Le tattiche possono essere le più disparate: c’è quella dell’abbraccio con la quale ci si avvicina alla vittima fingendosi amici o parenti per poi abbracciarla e sfilarle orologi o anelli; ci sono i finti appartenenti alle forze dell’ordine oppure le truffe da parte di società di servizi fasulle. Per mettere in guardia i cittadini su comportamenti e modalità dietro cui si celano potenziali inganni, è nata l’iniziativa del Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri che ha prodotto un opuscolo contenente i suggerimenti da adottare nelle varie situazioni per evitare di cadere in trappola. Il Gruppo SGR ha sposato l’iniziativa e offrendo la sua collaborazione per darne la più ampia diffusione. Nei prossimi sei mesi, alle bollette inviate ai 205.000 clienti luce e gas, sarà così allegato l’opuscolo. Non di rado infatti le truffe si verificano proprio in ambito luce e gas, celate dietro falsi operatori commerciali che cercano di sottrarre dati personali o con l’obiettivo di convincere al cambio di azienda fornitrice. Espedienti e false informazioni su risparmi impossibili sono all’ordine del giorno.

L’iniziativa è stata presentata nella Sala Acqua del Centro Congressi SGR dal Comandante Provinciale dei Carabinieri, Colonnello Mario La Mura, e dal Direttore Mercato Gas ed Energia Elettrica del Gruppo SGR, Lorenzo Pastesini. “I Carabinieri, come da tradizione – ha detto la Mura –, stanno investendo molto nella vicinanza alla popolazione puntando soprattutto sulla prevenzione dei reati. I cittadini hanno un ruolo di protagonisti e non più solo di osservatori o, di vittime, dell’azione di contrasto all’illegalità. Il concetto che l’Arma intende diffondere e condividere con la popolazione di ogni età è, infatti, quello secondo cui nessuno è esente dall’applicazione di piccole regole di buon senso, poiché la sicurezza che ogni persona desidera nella vita di tutti i giorni, parte dai piccoli gesti. L’immancabile impegno quotidiano dei militari dell’Arma, se accompagnato dalla consapevolezza di ogni persona nei comportamenti e nelle azioni quotidiane, può davvero creare una salda e fitta rete di sicurezza, secondo il concetto della cosiddetta sicurezza partecipata. Il pieghevole realizzato con il Gruppo SGR, che nella circostanza intendo ringraziare per la sensibilità e disponibilità dimostrata, si ritiene molto utile per le raccomandazioni in esso contenute e di cui si confida una pedissequa applicazione in tutte le situazioni potenzialmente a rischio“.

Abbiamo aderito con convinzione all’iniziativa del Comando Provinciale dei Carabinieri – ha spiegato Pastesini – perché crediamo che serva una buona informazione per evitare che i cittadini, soprattutto gli anziani, possano cadere nelle truffe. Noi stessi abbiamo ricevuto negli ultimi mesi numerose segnalazioni di azioni spregiudicate al fine di catturare i dati personali o per la migrazione di operatore all’insaputa del cliente. Abbiamo reagito producendo contenuti e diffondendoli, proprio per fornire una informazione con l’obiettivo di generare scelte consapevoli. Si aggiunge ora un altro elemento, la partnership con l’Arma dei Carabinieri che ringraziamo per la fiducia ricevuta”.