Indietro
menu
a miramare

Spacciatore pedinato e fermato. Nel residence trovati cocaina e soldi in contanti

In foto: la cocaina e i soldi sequestrati dai carabinieri
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 17 apr 2021 13:07 ~ ultimo agg. 17:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono stati i carabinieri della Tenenza di Cattolica, diretta dal tenente Antonino Miserendino, a fermare ieri pomeriggio a Rivazzurra un albanese di 25 anni, sospettato di spacciare cocaina. Il giovane, con precedenti alle spalle, in Italia senza fissa dimora e senza lavoro, nei giorni scorsi era stato notato dai militari mentre si aggirava per Cattolica con fare sospetto. I suoi incontri con persone del posto, già segnalate in passato come assuntori di sostanze stupefacenti, hanno indotto i carabinieri a seguirne i movimenti.

Nei suoi confronti è scattata un’attività di pedinamento che ha portato i militari cattolichini fino a Rimini, precisamente a Rivazzurra, dove ieri pomeriggio hanno deciso di fermarlo per un controllo mentre si trovava in viale Gubbio. Una volta bloccato, l’albanese è stato perquisito. Nelle tasche del giubbotto aveva alcune dosi di cocaina. A quel punto la pattuglia ha deciso di perquisire anche la stanza del residence di Miramare dove alloggia. All’interno sono state trovate altre dosi di cocaina già confezionate, per un totale di 14 grammi, oltre a 750 euro in contanti, suddivisi in banconote da 10, 20 e 50 euro, ritenuti provento dell’attività di spaccio. Sequestrato anche un bilancino di precisione e il cellulare dell’albanese.

Lo spacciatore è stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e, dopo aver trascorso la notte nelle camere di sicurezza della caserma di Cattolica, questa mattina è comparso in tribunale a Rimini per la direttissima. Il suo legale ha richiesto i termini a difesa e, in attesa della prima udienza, l’albanese è stato rimesso in libertà. Il giudice, però, gli ha inflitto il divieto di dimora in Emilia Romagna.