Indietro
mercoledì 5 maggio 2021
menu
Calcio Serie D

Seravezza-Rimini: la vigilia di Alessandro Mastronicola

In foto: Alessandro Mastronicola
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
mar 27 apr 2021 11:25 ~ ultimo agg. 28 apr 12:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email


Finisce (quasi come un auspicio) al “Buon Riposo”, tana del Seravezza Pozzi Calcio, il tour de force del Rimini, che dal 1 aprile ha già affrontato altre sette squadre (Mezzolara, Sammaurese, Corticella, Pro Livorno, Fiorenzuola, Correggese e Lentigione) e che dopo il 4-1 sulla Pro Livorno ha portato a casa due punti in tre partite. Sono 13 le lunghezze di distacco tra le due squadre in classifica, con i biancorossi quarti a quota 41 e i verdeazzurri quattordicesimi con 28 punti. All’andata, il 18 ottobre, fu 1-1 (con reti di Gigli e Grassi).

La vigilia dell’allenatore del Rimini FC, Alessandro Mastronicola.

Sarà importante tornare a fare tre punti. “È importante fare punti sempre, non solo domani, anche nelle partite precedenti avevamo assoluto bisogno di punti, ne sono arrivati due, per come sono arrivati diciamo che va bene – attacca Mastronicola -. Non andrebbe bene se la storia si ripetesse anche domani, noi facciamo di tutto per fare il meglio possibile”.

Si confidava nei punti dei recuperi, non ne stanno arrivando tanti. “Con i ragazzi lo abbiamo sempre detto: hai dei recuperi, ma quando vai a giocare le partite le difficoltà sono enormi, sono una dietro l’altra, con infortuni veri e propri e anche con infortuni dei singoli per i gol presi. Quindi i recuperi non hanno portato ciò che uno sperava. Abbiamo fatto però sempre prove di carattere, non abbiamo mai mollato, abbiamo dato tutti il cento percento. È chiaro che alcune cose non hanno funzionato”.

Sul Seravezza Pozzi Calcio. “È una squadra diversa da quelle che abbiamo affrontato di recente, ma è una squadra che in casa è cattiva, agonisticamente parlando, superiore ad altre squadre che occupano le stesse posizioni di classifica. Poi ci sono giocatori di qualità che gli fanno fare quel salto, però la cattiveria agonistica e l’organizzazione, anche la capacità dell’allenatore di variare giocatori e modulo a seconda dell’avversario sono da tenere in considerazione”.

Il Rimini ha preso nuovamente la cattiva abitudine di andare sotto nel punteggio. “C’è stato un momento in cui noi facevamo sempre gol per primi: partivamo fortissimo nel primo o nel secondo tempo. Purtroppo in questo momento ci capita il contrario. Io credo che non basti allenarsi in campo per cercare di sopperire a questa mancanza, io credo che le 20 ore passate lontane dal campo siano fondamentali, più importanti delle quattro ore passate qui al campo, per quanto riguarda l’attenzione e quello che si vive del calcio. Credo che quello possa fare la differenza”.

Gli assenti restano gli stessi di domenica. “Non ci saranno Valeriani, Canalicchio e Nigretti”.

Come sta Giua? “Giua fisicamente sta bene: ha qualche acciacco che ogni tanto gli viene fuori, ma che lui si porta dietro da tanto tempo, cerca di sopperire con il lavoro. Sta bene, è sempre disponibile. Le valutazioni quando faccio la formazione riguardano anche lui. Non è fuori a prescindere”.

Uno degli ultimi arrivati è il difensore Fabio Bertoletti, annunciato dalla società il 3 aprile scorso. “Bertorelli non è tesserato: si allena con noi, ce l’ha chiesto lui. Essendo un 2002, e ben strutturato, abbiamo ritenuto opportuno visionarlo, anche se non è tutti i giorni con noi. Ha altre cose da sistemare, tra cui la scuola. A volte c’è e a volte non c’è. Potrebbe essere utile per la prossima stagione. Quest’anno non è tesserabile. Anziché valutarlo in due giorni lo valutiamo in due mesi“.

Per un giovane giocatore aggregato ce n’è un altro che ha lasciato il Rimini. “Grumo ha deciso di andar via”.

Vuthaj ha riposato a sufficienza? “Vuthaj ha riposato ed è disponibile. Io spero vivamente in lui, a prescindere. Domenica ha giocato mezzora, non ci sono problemi di nessun tipo con Vuthaj. È vero che è il nostro goleador, ma l’ho fatto rifiatare perché ne aveva bisogno. È chiaro che un giocatore vuole sempre giocare, ma c’è bisogno di rifiatare perché avremo un finale di stagione importante. Per la squadra, per il nostro collettivo, ma anche per lui”.

Non ci sarà turnover. “Fondamentalmente stanno tutti bene, anche mentalmente. Se devo fare qualche variazione la farò non in base alla condizione fisica”.

Sull’utilizzo sulle fasce di Arlotti e Pecci. “Esterni puri non ne ho, tolto Nigretti (che lunedì si è operato, per lui stop di cinque mesi, ndr) e Viti, che sta attraversando un momento un po’ così. In realtà avevo deciso di essere più offensivo possibile perché dovendo rincorrere ho deciso di giocarmi le carte dei giocatori offensivi. È chiaro che soprattutto con Pecci devi concedere qualcosa, a volte troppo, ma non è colpa dei ragazzi. Sai che vuoi essere più offensivo, ma non ci riesci. Quando gioca Simoncelli abbiamo una mezzala più offensiva che difensiva. A Fiorenzuola avevamo cinque giocatori offensivi e abbiamo ben figurato, pur non portando a casa punti”.

Un problema di questa stagione è che la rosa non è forse ben assortita e diversi giocatori sono costretti a giocare fuori ruolo. “Tanti giocatori sono costretti a giocare fuori ruolo, io cerco di metterne il meno possibile. Il 3-5-2 è il modulo in questo momento con cui ne utilizzo il meno possibile fuori ruolo. Mi rendo conto di chiedergli un sacrificio enorme. Le stiamo pensando tutte e si cerca di fare il meglio con i ragazzi che abbiamo a disposizione”.

Finito il tour de force ci saranno giorni liberi per i giocatori? “Gli darò il fine settimana: ci alleneremo giovedì e venerdì, poi sabato e domenica saranno liberi. Vediamo se aggiungere un’altra mezza giornata in più. I ragazzi hanno bisogno di riposo, c’è bisogno di staccare perché credo sia stata dura, dura, dura. Quando rincorri poi è sempre più dura”.

LA CLASSIFICA DELLA SERIE D GIRONE D

SERAVEZZA VS RIMINI: I CONVOCATI
Portieri: Adorni, Scotti
Difensori: Giua, Manfroni, Mengucci, Nanni, Pupeschi, Viti
Centrocampisti: Ceccarelli, Gomis, Lugnan, Pari, Ricciardi, Sambou, Simoncelli
Attaccanti: Accursi, Ambrosini, Arlotti, Casolla, Diop, Pecci, Vuthaj

Il servizio su Rimini-Seravezza 1-1:

Notizie correlate