Indietro
menu
al posto dello stabile ex analisi

Per l'ospedale Ceccarini in arrivo primari e ampliamento

In foto: Bianca Caruso, Renata Tosi, Tiziano Carradori e Riccardo Varliero
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 1 apr 2021 16:18
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Per il direttore generale dell’Ausl Tiziano Carradori una visita ai reparti e agli ambulatori, ma soprattutto l’occasione per fare il punto sul futuro dell’ospedale Ceccarini di Riccione a partire dalla nomina di nuovi primari e dall’ampliamento degli spazi del nosocomio. Il DG è stato accompagnato dal direttore sanitario Bianca Caruso, e dal sindaco Renata Tosi, dal direttore attività socio sanitarie, Mirco Tamagnini, e dal nuovo direttore di distretto, Riccardo Varliero. A breve, ha assicurato Carradori, saranno nominati primari di Chirurgia Generale, di Radiologia, Chirurgia Ortopedica a Cattolica, che fa parte del Distretto Sud, del Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza. E’ stata, inoltre, costituita l’unità complessa di Terapia Intensiva con la nomina del facente funzione in attesa del concorso. Si è parlato anche degli spazi del nosocomio riccionese. Si sta pensando di rinnovare gli spazi di Gastroenterologia e Pneumologia che recentemente hanno ricevuto una cospicua donazione, ma soprattutto di andare a realizzare aree ex novo: “C’è l’idea – ha spiegato il sindaco Tosi di demolire e ricostruire i due corpi separati, la vecchia palazzina dove si effettuavano le analisi e quella della direzione amministrativa, per avere degli spazi nuovi e più efficienti

E’ stata un’occasione unica e molto interessante – ha aggiunto il primo cittadino – per vagliare le possibilità di crescita del nostro Ospedale Ceccarini. Le prospettive sono ottime perché come aveva garantito e promesso il direttore Carradori i concorsi per i posti da primario da troppo tempo vacanti sono stati espletati e tra breve vi sarà l’ufficializzazione da parte dell’Ausl Romagna. La vista del direttore Generale è stata occasione anche per ragionare insieme sulla rigenerazione dell’Ospedale Ceccarini. Un ospedale che merita grande attenzione perché come ha insegnato a tutti noi la pandemia, la sanità e le strutture ad essa dedicate devono essere la centralità nelle scelte politiche future dei prossimi anni. Aver penalizzato questo settore, con continui tagli e politiche restrittive è stata una pessima scelta. Noi abbiamo tenuto duro, come il Consiglio comunale mi ha chiesto, l’amministrazione ha messo tutto il suo impegno nel riportare luce e speranza al Ceccarini, ora che i fondi ci sono e saranno anche in futuro disponibili, noi abbiamo le idee chiare sulla sanità che vogliamo. Un ringraziamento va al direttore generale Carradori, alla direttrice del Ceccarini, Bianca Caruso, al direttore sanitario Mattia Altini, al direttore socio sanitario Tamagnini e diamo il benvenuto al nuovo direttore di distretto Varliero“.

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.