Indietro
menu
alla presenza degli assessori

Per la media Bertola lezioni di civica all'aperto e guardando il futuro

In foto: lezione sotto il gazebo alla scuola Bertola
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 23 apr 2021 15:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Dalla didattica a distanza alla didattica all’aperto. E’ stata una lezione particolare quella di educazione civica che la 3^ “I” della scuola media “Bertola” di Rimini ha svolto nel giardino della propria scuola, sotto al gazebo realizzato dal Comune. Si è parlato di piste ciclabili, di parchi, di trasporto pubblico e abbattimento delle barriere architettoniche. I ragazzi hanno rilanciato anche per nuovi campi per praticare lo sport, la manutenzione delle strade, la sicurezza e la richiesta per nuove piattaforme galleggianti in mare per le attività ludiche.
Ad ascoltare le proposte dei ragazzi gli assessori del Comune di Rimini, alla Mobilità Roberta Frisoni, ai Lavori Pubblici Jamil Sadegholvaad e ai Servizi Educativi Mattia Morolli.
Una visione sul futuro, condivisa da insegnanti e studenti, proprio sotto ad un gazebo di una scuola, diventato uno dei simboli di questo cambiamento. Altri, ha annunciato il comune, ne saranno costruiti in altre scuole nei prossimi mesi, insieme alla sistemazione di staccionate, riqualificazione delle aree esterne, realizzazione di nuovi impianti termici, elettrici e tinteggiatura delle aule. Un piano che riguarderà 18 plessi scolastici di cui 4 asili nido, 7 scuole dell’infanzia, 2 scuole primarie e 5 scuole secondarie con un costo totale di oltre 379 mila euro finanziato dal Comune.
Il confronto e il dialogo su questi temi – ha dichiarato la Dirigente Scolastica Antonietta Ciffolillirappresenta la strada maestra per sviluppare nei nostri studenti, giovani cittadini, il senso di comunità e il valore dell’impegno per la collettività e per promuovere la consapevolezza dell’importanza di assumersi delle responsabilità in ordine ai problemi dell’intera città e alla tutela dei beni di tutti.”

La realizzazione dei gazebo nelle aree esterne alle scuole – dichiara l’Assessore ai servizi Educativi Mattia Morolli è solo una delle soluzioni pensate e messe in campo dal comune per facilitare la ripartenza nelle scuole. Un modo diverso di vivere gli spazi e di fare lezione. Oggi abbiamo voluto confrontarci con i ragazzi, che hanno subito più di tutti le conseguenze di questa pandemia, per affrontare anche con loro il tema della ripartenza. Un tema perfetto per la materia di educazione civica che loro fanno in classe, per farci dire direttamente da loro cosa pensano, cosa si aspettano e come vedono il futuro della propria scuola e della loro città.  L’impegno che abbiamo voluto rinnovare è quello di continuare a costruire luoghi e spazi di condivisione più sicuri e caratterizzati da una forte innovazione, partendo proprio dalla scuola, sia dal punto di vista della didattica che da quello delle strutture.”