Indietro
menu
Nessuna data per i lavori

Parcheggio Scarpetti. Renzi (FdI) accusa l'amministrazione per i ritardi

In foto: il parcheggio Scaropetti
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 10 apr 2021 16:30
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’amministrazione comunale di Rimini non è in grado di dire quando partiranno i lavori per il nuovo parcheggio Scarpetti. Lo dice il consigliere di Fratelli d’Italia Gioenzo Renzi dopo aver presentato una interrogazione nell’ultimo consiglio comunale, come aveva già fatto anche nel novembre scorso. “La Convenzione stipulata il 26.5.2011 tra il Comune di Rimini e la Società Parking Gest Srl – scrive Renzi –, prevedeva la realizzazione, con la procedura del Project Financing, su aree di proprietà comunale, del Parcheggio di Via Italo Flori e del Parcheggio Scarpetti.
Il Parcheggio Italo Flori è stato inaugurato nel Febbraio 2014 con 245 posti auto a rotazione (+72 rispetto ai precedenti 173).
Invece, il Parcheggio Scarpetti, in origine di 4 piani (2 piani interrati, piano terra e primo piano), ridimensionato nel 2013 da Arpa, per l’impatto ambientale, a 2 piani (piano terra e primo piano), dopo 8 anni non è ancora stato realizzato“.
Secondo il consigliere “il grave ritardo è conseguente la mancata redazione da parte della Amministrazione Comunale del Piano-Sosta nelle aree adiacenti i due Parcheggi “Flori” e “Scarpetti”, previsto entro due anni dalla firma della Convenzione del 26.5.2011. Come scritto nella Convenzione, il Piano-Sosta comportava il “divieto della sosta nelle vie delimitanti la suddetta area”, “consentita solo ai residenti e ai titolari di attività della zona” per “consentire l’adeguata remunerazione” degli investimenti nella realizzazione dei due parcheggi ( circa 8 milioni di euro ciascuno). Dopo 7 anni dalla inaugurazione del Parcheggio “Flori”, l’Amministrazione Comunale non ha ancora redatto il suddetto Piano-Sosta, condizione che impedisce di procedere con l’ampliamento del Nuovo Parcheggio Scarpetti fino a 520 posti auto. Considerato che con i lavori di riqualificazione attorno a Castel Sismondo e in Piazza Malatesta, sono stati eliminati 450 posti auto, abbiamo sollecitato, di nuovo, l’Amministrazione Comunale ad adottare i provvedimenti urgenti che consentano di “sbloccare” la realizzazione del Parcheggio “Scarpetti” . Il parcheggio più grande, necessario, per agevolare l’accessibilità al Centro Storico – conclude Renzi – e consentire la sopravvivenza delle attività economiche, dinnanzi alla concorrenza dei centri commerciali e del commercio elettronico, e alle gravi conseguenze della pandemia.”