Indietro
menu
'Non siamo quelli del nimby'

No alla piscina nel parco Don Tonino Bello. La manifestazione del Comitato

In foto: la manifestazione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 24 apr 2021 19:30 ~ ultimo agg. 25 apr 09:07
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A chiudere una giornata di nuovi interventi e prese di posizione sul tema della piscina comunale di Rimini, nel pomeriggio si è svolta al parco don Tonino Bello di Viserba la manifestazione del Comitato per il no: ma un no alla collocazione prevista nel parco, hanno ribadito i promotori, non un no a una nuova piscina a Viserba. A terra, oltre ai cartelli, anche una striscia per rendere l’idea delle dimensioni del fabbricato della futura piscina. Un progetto calato dall’alto, che a fronte di nuove attrezzature non garantirà un’adeguata contropartita di verde rispetto a quello sacrificato e che invece porterà nuovo traffico in strade poco adatte, specificano rispedendo al mittente l’accusa di essere quelli del “non nel mio giardino”.

Una manifestazione dai toni decisi ma pacati, accompagnata da una passeggiata nel parco. Presenti diversi esponenti del centrodestra riminese: i consiglieri Renzi, Zoccarato e Mauro oltre al segretario della Lega Romagna Morrone. Ad assistere, anche il senatore Croatti del Movimento 5 Stelle: il Movimento, che già nel 2014 chiedeva una piscina a Rimini nord invece del progetto Aquarena all’ex fiera poi finito in un nulla di fatto, oggi propone una piscina da 50 metri a Rimini nord ma in altra collocazione rispetto al parco.

Questo il commento su Facebook di Morrone: “al fianco dei residenti per salvare il parco e chiedere di posizionare la piscina in un’ area limitrofa più consona alle esigenze di tutti.
“Piscina SÌ a Viserba – Piscina nel parco NO”. Una buona amministrazione non dovrebbe distruggere uno spazio verde da sempre utilizzato da bambini, giovani, famiglie e anziani. La #LegaRimini è vicino al comitato e distante anni luce dall’autoritaria giunta Gnassi che vorrebbe imporsi senza condividere alcun progetto e demolire un polmone verde della città. Per amministrare serve buon senso non arroganza”

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione