Indietro
menu
'Incuranza del Governo'

'Io lavoro'. Il MIO lancia il mercato distanziato in piazza a Rimini

In foto: Lucio Paesani
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 7 apr 2021 07:17 ~ ultimo agg. 07:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo la manifestazione di sabato scorso in piazza Tre Martiri, interviene ancora Lucio Paesani, Presidente di MIO Emilia Romagna: “Noi, sempre coerenti, avevamo detto IOLAVORO e non IOAPRO, lo avevamo detto quando non era disobbedienza in quanto il Governo con provvedimento incostituzionale non aveva ancora reso illegale il lavoro, l’avevamo detto e lo faremo. Non il 7 Aprile ma il 10 Aprile, vieni con noi in piazza a dire NO e a dire Io Lavoro. Ci sono vittime che attendo risposte che non arrivano, aiuti e solidarietà ma anziché tutto ciò fino ad oggi hanno ricevuto solo discrimine e silenzio”.

“MIO ha lanciato la proposta IOLAVORO, lo facemmo “, spiega Lucio Paesani ” per dare speranza ad un popolo di Partite IVA stremato ed abbandonato. Ci siamo resi conto che l’ingresso dei Partiti di Centro Destra al Governo non ha sortito cambi di marcia e siamo oramai consapevoli che al di là del decoro che Draghi garantisce alla Cosa Pubblica rispetto alla politica spettacolo di Conte e Casalino, le differenze si fermano alla forma. Draghi promise “prima ristori poi chiusure”, siamo alla seconda chiusura e a stomaco vuoto.

Spiega Paesani: “la Direzione Regionale di MIO conferma l’iniziativa IO LAVORO, ma invita aderenti e tutte le categorie abbandonate a farlo in Piazza. Sappiamo che questa è una forma di abusivismo commerciale, ma, essendo noi chiusi, non possiamo farci concorrenza. Confidiamo che la stessa benevola tolleranza che fino ad oggi le Amministrazioni hanno usato con chi per disperazione ha racimolato i soldi della spesa in questo modo, possa essere confermata per noi, varrebbe piu’ di mille attestati di solidarietà. Creeremo un grande mercato in Piazza distanziato, per sopravvivere all’incuranza del Governo”.