Indietro
menu
Schermaglie a distanza

Fondi a comuni Valconca. Montevecchi controreplica a Rossi: non è una gara

In foto: Matteo Montevecchi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 13 apr 2021 15:04 ~ ultimo agg. 24 mag 09:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
“Nadia Rossi non è una gara, ma un tema su cui unire le forze per il territorio”. Così il consigliere regionale della Lega Matteo Montevecchi controreplica a Nadia Rossi sulla questione dei fondi per i comuni montani che lo stesso Montevecchi ha chiesto di estendere alla Valconca. All’invito del consigliere della Lega a una pressione comune, la Rossi aveva replicato ricordando di essere già attiva da anni per le zone in questione (vedi notizia).
“La Giunta Bonaccini non ha considerato i comuni della Valconca nel Bando Montagna. Occorre porre rimedio, non fuggire dal tema cambiando discorso e confondendo le mele con le pere”, incalza Montevecchi. “Ho sollecitato il consigliere Nadia Rossi a prendere posizione per il territorio, mettendo da parte le proprie distinzioni politiche, per portare avanti insieme la proposta di inserire determinati comuni come Gemmano, Mondaino, Saludecio, Montefiore Conca, Montescudo-Montecolombo e Montegridolfo nel Bando Montagna della Regione che prevede incentivi sotto forma di contributi indirizzati alle giovani coppie o con nucleo familiare per l’acquisto o ristrutturazione della prima casa, poiché per quanto concerne la Provincia di Rimini erano stati giustamente inclusi i comuni montani della Valmarecchia, ma non quelli della Valconca – afferma Montevecchi – leggo che il consigliere Nadia Rossi, non cogliendo l’intento costruttivo, ha replicato che da sei anni lei è attiva su tematiche simili, spostando il discorso su altri finanziamenti e dichiarando che il sottoscritto è da poco eletto”.
“Siccome la collega Rossi ha, come dichiarato, a cuore il tema ed è attiva in tal senso da anni, sono sicuramente convinto che a questo punto non potrà fare altro che sposare la richiesta che avevo avanzato fin dal maggio del 2020 con una interrogazione regionale”. Allo stesso tempo, sottolinea Montevecchi: “Dispiace però constatare che all’interno della sua risposta nei miei confronti non abbia trovato minimamente lo spazio per esprimere una parola di apertura in merito, ma che si sia limitata a parlare di altro. Non vorrei fosse un modo per schivare l’argomento”. 
“Cara Nadia, questa non è una gara. Ci sono dei comuni della Valconca che presentano una sostanziale analogia per quanto riguarda la situazione territoriale, la bassa densità di abitanti e l’altitudine con i 119 comuni indicati nell’elenco dei comuni montani stabiliti dalla Regione. Non fuggire dal tema, parlando di altro e cercando di confondere le mele con le pere. Rilancio la proposta e l’invito, finalizzato semplicemente a guardare al bene del territorio e a non escludere ancora questi comuni dal Bando Montagna, come già successo nel 2020” conclude il consigliere regionale della Lega Matteo Montevecchi.