Indietro
menu
Attualità Regione

Concessioni, verso soluzione transitoria. Gnassi: poi ci sia intervento definitivo

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 28 apr 2021 14:22 ~ ultimo agg. 14:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sul tema delle concessioni demaniali, secondo quanto riportato dal Sole 24 ore di oggi, il Governo sta lavorando a una ‘norma ponte’ per i prossimi mesi, che possa cioè salvaguardare la stagione turistica. “Finalmente, pare che qualcosa si stia muovendo, proprio nella direzione che come Anci abbiamo sollecitato – commenta il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, delegato Anci per il turismo – Una soluzione ‘tampone’, per mettere nelle condizioni gli operatori di lavorare ed evitare un’estate nel caos, ma che deve essere seguita da un intervento chiarificatore e definitivo non appena terminata la stagione balneare. Questi provvedimenti provvisori, nella situazione attuale, sono comunque necessari. Bene quindi ma diciamo la verità: non possono essere la solita pezza, peggiore del buco precedente. Infatti sono oggi necessari, ma devono essere solo il viatico ad un intervento strutturale che consenta di togliere dall’imbarazzo centinaia di Comuni e migliaia di imprese, alle prese con una situazione surreale e ingestibile che ha come unico effetto quello di compromettere l’economia che fa leva sul settore turistico, già duramente penalizzata, bloccando di fatto anche i possibili investimenti per la rigenerazione e la modernizzazione delle spiagge e in generale dell’intero comparto”.

“Credo che proseguendo nel confronto costante che Regioni e Comuni stanno portando avanti col ministro Garavaglia – conclude Gnassi – si possa arrivare ad individuare una strategia chiara, per archiviare una volta per tutte il problema delle concessioni e soprattutto per iniziare a progettare quel Piano nazionale della costa indispensabile per il nostro Paese. Si arrivi dunque a una proposta italiana e la si tratti e la si concluda in Europa. Draghi, e il suo governo, può farlo”.