Indietro
menu
200 pacchi al giorno

Amazon: dopo lo sciopero, ministro incontrerà azienda e sindacati

In foto: il presidio davanti alla sede Amazon a Santarcangelo
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 2 apr 2021 13:14 ~ ultimo agg. 15:17
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ci sono novità dopo lo sciopero della scorsa settimana dei lavoratori di Amazon. Il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha infatti spiegato di essere intenzionato a convocare azienda e parti sociali per l’avvio di un confronto. Diverse le rivendicazioni che hanno portato alla mobilitazione che in provincia ha coinvolto le circa 300 persone occupate nel centro logistico di Santarcangelo e i driver. Ci sono la verifica dei carichi e dei ritmi di lavoro imposti, la verifica e la contrattazione dei turni di lavoro, la riduzione dell’orario di lavoro dei driver, la clausola sociale e la continuità occupazionale per tutti in caso di cambio appalto o cambio fornitore, la stabilizzazione dei tempi determinati e dei lavoratori interinali, il rispetto delle normative sulla salute e la sicurezza, buono pasto, premio di risultato contrattato, indennità Covid per operatività in costanza di pandemia. “Abbiamo una recrudescenza sui carichi di lavoro – spiega alla trasmissione Dentro al Consumo di Icaro Tv il segretario della Filt Cgil Massimo Bellini con i ragazzi delle consegne che hanno ognuno dalle 160 alle 180 fermate al giorno per oltre 200 pacchi. Il tutto dovrebbe essere fatto nell’arco di otto ore.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO