Indietro
menu
Il Dir. Sanitario su Icarotv

Altini sulle riaperture: "abbiamo visto come va a finire quando si riapre"

In foto: Mattia Altini, direttore sanitario ausl romagna
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 20 apr 2021 14:58 ~ ultimo agg. 21 apr 07:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Questa sera alle 20:40 su Icaro tv (canale 91) torna l’appuntamento con TUTTA SALUTE. In studio con Lucia Renati il dottor Mattia Altini, direttore sanitario dell’Ausl Romagna. Nella puntata di questa sera si farà il punto sull’evoluzione della terza ondata della pandemia in Romagna. 

Abbiamo affrontato non una, ma due pandemie. La prima col covid come si è presentato a febbraio del 2020, l’altra con le varianti che abbiamo oggi, qui in Romagna soprattutto quella inglese.
Il nemico è di fatto, cambiato in corsa.
Sono state tante le previsioni in questi mesi, più o meno nere, sulla fine della pandemia: molto dipenderà dai vaccini. Dalla velocità di somministrazione da un lato, e dalla loro reale efficacia nel tempo e contro le varianti, dall’altra. In Romagna a breve si dovrebbe terminare con gli over 80 e entro maggio con gli over 70.

Intanto, il commissario Francesco Figliuolo ha deciso di assegnare settimanalmente a ogni regione una quota di somministrazioni da raggiungere, in modo che la somma totale delle dosi utilizzate raggiunga il fatidico traguardo del mezzo milione al giorno. La prima tabella diffusa da Palazzo Chigi assegna a ogni regione un numero quotidiano e uno settimanale di vaccinazioni che dovrà essere rispettato, per l’Emilia Romagna è di 22.000 al giorno (154.000 a settimana). “Noi siamo pronti – ha detto Altini a Tutta salute – il problema è che non abbiamo i vaccini”.

In particolare, sul tema delle riaperture (dal 26 aprile annunciate da Draghi), il dottore ha detto a Lucia Renati: “Io devo guardare i dati. Chiaro che la parola d’ordine è ancora “responsabilità”. Dobbiamo farlo con il sale in zucca perché abbiamo visto che cosa è successo (negli ospedali ndr) ogni volta che abbiamo riaperto”.  

 

 

Notizie correlate
di Redazione