Indietro
menu
studentessa di Poggio Torriana

Voto a 16 anni. Aisha: non sprecate il nostro contributo

In foto: repertorio
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 19 mar 2021 14:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il dibattito sull’abbassare l’età del primo voto a 16 anni rilanciata dal neo segretario del PD Enrico Letta è aperto. Sono intervenuti politici, amministratori, opinionisti. Vi riportiamo la riflessione di Aisha, una studentessa 17enne di Poggio Torriana che pensa che lei e i suoi coetanei abbiano dando da dare al paese, anche attraverso il loro voto. E aggiunge: l’anno di pandemia ci ha resi più attenti a quello che succede nel nostro paese. 

Sarebbe una cosa che ci farebbe sentire più coinvolti nella società perché a 16 anni abbiamo già una capacità di pensiero abbastanza matura di cui tenere conto e sarebbe sprecato non poter utilizzare il parere di tanti adolescenti che si trovano davanti a tantissime realtà anche fuori dalla scuola e dalla famiglia. Nonostante non veniamo istruiti dal punto di vista civico, questo non deve rappresentare un limite, la scuola ci nutre di saperi, ci apre la mente ma non fa tutto.

Frequentando i coetanei ma anche agli adulti quindi abbiamo la possibilità di rendere più valido il pensiero che spesso esponiamo ma di cui non viene tenuto conto, votare a 16 anni sarebbe è una ulteriore novità della generazione “z”. Siamo nella rete, siamo sul web e conosciamo tutto quello che succede nel mondo. Perché aspettare i 18 anni? ormai così come si evolve la tecnologia velocemente anche noi giovani non siamo più quelli di 20 anni fa. Sarebbe una bella notizia poter votare, siamo giovani, puntiamo alla libertà e alla felicità e il voto a 16 anni è un gradino in più per raggiungere questi valori. A 16 anni ci sono già svolte di maturità, come la patente del motorino, l’alternanza scuola-lavoro e iniziamo a diventare grandi, sarebbe quindi una prova per immergerci anche in ciò che ci regola, il mondo della politica.

Molti di noi studiano filosofia a scuola e apprendiamo il modello di Stato che nasce per mettere l’ordine e dettare le leggi che governino la società. Abbiamo tanti pensieri su tante tematiche, come le guerre nel mondo, il movimento dei black lives matter, le continue discriminazioni verso i diversi orientamenti sessuali, le ingiustizie scolastiche ed oggi il voto è lo strumento mancante per i giovani che appunto hanno proprie idee.

La scuola superiore ci catapulta nel mondo adulto, il passaggio dalla scuola media alla scuola secondaria ci cambia totalmente, ed i 16 anni corrispondono con la fine dell’obbligo scolastico, anche per questo sono favorevole al diritto al voto prima dei 18 anni. E soprattutto in quest’ultimo anno ci siamo ritrovati per il covid ad essere molto più attenti a quanto succede nel nostro paese, dal punto di vista economico, sanitario, sociale, culturale e ci sentiamo molto più vicini a quella politica che ci sembrava lontana, guardando anche due telegiornali al giorno a casa. Sarebbe una vittoria essere i primi sedicenni a votare nel 2021 anche se partiremo con un po’ di insicurezza e poca esperienza, ma d’altronde fra due anni potremmo anche candidarci e prenderci le nostre responsabilità e fare i conti con la nostra coscienza”.

 Aisha Croari, studentessa di 17 anni residente a Poggio Torriana

Notizie correlate