Indietro
menu
nuovo logo per la partecipata

Un atletico e simpatico gabbiano è la mascotte di Geat

In foto: la mascotte
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 19 mar 2021 13:52 ~ ultimo agg. 13:56
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un’immagine legata alla identità di Geat ma che vuole trasmettere anche, con più forza, l’impronta ecologica della storica azienda partecipata riccionese. Amministrazione e vertici di Geat hanno presentato questa mattina il nuovo logo. I colori sono quelli tradizionali, il blu e il verde, c’è ancora il richiamo al simbolo dell’infinito ma lo stile è più minimale. C’è poi la novità di una mascotte: un gabbiano simpatico ed atletico con uno zainetto. Sarà lui, insieme al logo, a raccontare i servizi di Geat: la manutenzione del verde pubblico, l’asfaltatura delle strade, la gestione del patrimonio (dallo scorso anno Geat gestisce 200 appartamenti di edilizia residenziale pubblica). Si sta lavorando anche a portare “in house” la manutenzione dell’illuminazione pubblica e dei semafori.

Geat – ha detto l’assessore Lea Ermetiè  il collante tra l’amministrazione e la città e vogliamo che questo legame sia sempre più evidente“. “Con questa nuova immagine – ha detto il presidente di Geat Giovanni Morettivogliamo arrivare in modo immediato anche le nuove generazioni, perché si facciano portatrici anche nei confronti degli adulti di messaggi per la tutela dell’ambiente“. Logo e mascotte saranno presenti nei cantieri, nei parchi, nei luoghi del turismo. Ci sarà anche un merchandising dedicato.

Era tempo di evolvere anche l’immagine di Geat – ha spiegato il sindaco Renata Tosi come è evoluta anche con nuovi servizi la partecipata, che è un patrimonio di tutta la città. Ci sono riccionesi che ancora pensano che Geat raccolga i rifiuti, cosa che non fa ormai da vent’anni“. Anche se al sindaco non dispiacerebbe riportare “a casa” anche la raccolta dei rifiuti: “un’idea a cui si sta lavorando” – spiega.

Notizie correlate