Indietro
menu
Primarie, niente preclusioni

Sadegholvaad. Nel centrosinistra si ragioni "nelle maniere e modi più larghi"

In foto: l'assessore Sadegholvaad
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 1 mar 2021 21:28 ~ ultimo agg. 2 mar 07:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Individuare un percorso in vista delle amministrative dove le scelte passino dalle “maniere e modi più larghi” che il periodo permette. Lo dice Jamil Sadegholvaad nella sua ultima newsletter in un passaggio dove si intuisce che l’assessore non ha preclusioni per le primarie. Il focus in vista delle amministrative, deve restare “sulle cose da fare per Rimini, piuttosto che le cose da dire all’avversario, esterno o interno”. Anche alla luce del periodo difficile che si sta ulteriormente aprendo per l’emergenza covid.


“Saranno, le prossime, settimane molto dure. Il Covid e le sue varianti, e un piano vaccinale che stenta ancora a decollare, impongono cautela e misure di contenimento rigorose. Cosa può fare la politica locale in una situazione oggettivamente complessa sotto ogni punto di vista? Può, anzi deve, essere responsabile. Responsabile, onesta, altruista nel senso di mettere avanti l’interesse e il bene comune rispetto a pur legittime altre istanze. Il Partito Democratico e il centrosinistra, anche a Rimini, sono chiamati a loro volta a questa responsabilità nei confronti di cittadini e imprese. Anche nel dibattito in vista delle amministrative 2021 significa mantenere il focus sulle cose da fare per Rimini, piuttosto che le cose da dire all’avversario, esterno o interno. Significa alimentare una visione di presente e di futuro, collegata al lavoro fatto negli anni dall’amministrazione comunale, e aggiornata alle nuove sfide che pone davanti proprio la pandemia. Significa dare un senso realistico al termine ‘sacrificio’. Qui non si tratta di schiacciare le ragioni o le ambizioni di nessuno; semmai di ragionare in un senso più alto. Io credo che questa strada sia ancora aperta, anche a Rimini. La si può individuare insieme, nelle maniere e nei modi più larghi e più in armonia con il periodo straordinario che stiamo vivendo. Ma dobbiamo fare di tutto per percorrere questa strada comune, per trovare in Rimini e nella sua comunità la ragione unificante, al di là e oltre ogni altra questione”.

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.