Indietro
martedì 29 novembre 2022
menu
Basket Femminile B

La RenAuto a Castel San Pietro paga la serataccia in attacco

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 14 mar 2021 21:17 ~ ultimo agg. 21:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Magika Castel San Pietro-RenAuto Happy Basket Rimini 46-32 (14-16; 11-5; 12-7; 9-4), giocata domenica 14/3.

MAGIKA: Roccato 3, Venturoli 6, Zuffa 3, Parrinello 12, Dall’Aglio 4, Melandri 10, Patera 2, Bassi, Curti, Farné, Rubbi, D’Agnano 6. All. Martinelli.

HAPPY BASKET: Novelli 2, La Forgia 9, Duca E. 2, Duca N. 9, Palmisano 2, Farinello, Borsetti, Capucci 6, Vlahova 2, Lazzarini, Tiraferri, Gambetti. All. Rossi.

ARBITRI: Caravita e Grazioli.

CRONACA E COMMENTO
La Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi torna in campo a Castel San Pietro dopo tredici mesi dall’ultima partita ufficiale – a San Lazzaro il 15 febbraio 2020 -, ospite della Magika, in un match valido per la seconda giornata del Girone C del campionato di Serie B

Il primo canestro lo segnano le padrone di casa dopo 1’30” di gioco, ma la Ren-Auto pareggia immediatamente grazie a un rimbalzo offensivo convertito in due punti da Noemi Duca. Un canestro di Novelli dopo palla recuperata regala il primo vantaggio alle rosanero, 3-4. Clara Capucci dalla lunetta segna il suo primo punto in maglia Happy dopo 3’30”, 5-5. A metà quarto una tripla di La Forgia vale il 9-9, ma nella lotta a rimbalzo Novelli subisce un brutto colpo al ginocchio sinistro che la costringe ad abbandonare definitivamente il terreno di gioco. Un canestro di Vlahova dà il nuovo vantaggio alla Ren-Auto a poco meno di 4′ dalla prima pausa, 10-11. Due assist di Farinello, rispettivamente per La Forgia e Eleonora Duca, valgono i due canestri che danno all’Happy il massimo vantaggio, 13-16. La Magika segna un libero che fissa il finale del primo quarto sul 14-16.

Un parziale di 4-0 in avvio di secondo quarto riporta avanti le padrone di casa sul 18-16. Dopo Novelli anche Vlahova deve lasciare la partita per infortunio, costringendo coach Rossi a rotazioni ridottissime nel settore esterne. La Ren-Auto non riesce a sbloccarsi e rimane a secco per più di 4′, fino a quando un libero di Noemi Duca toglie il “tappo dal canestro”, 20-17. A poco meno di 5′ dall’intervallo Castel San Pietro capitalizza al meglio un antisportivo fischiato alla difesa rosanero e si porta sul +7, 24-17. Il primo canestro su azione del secondo quarto lo segna Palmisano quando mancano 4′ all’intervallo, 24-19. La Ren-Auto stringe bene in difesa e non concede più nulla, ma in attacco continua a faticare contro le zone delle padrone di casa e serve un canestro d’astuzia di Capucci per muovere il punteggio, 24-21 a 1′ dall’intervallo lungo. Come a fine primo quarto la Magika segna un libero e chiude la prima metà di gara sul 25-21.

Il secondo tempo si apre con la Magika in controllo assoluto, 9-0 di parziale per il 34-21, con la Ren-Auto ancora a secco dopo 5′ di gioco. Il primo canestro rosanero lo segna Noemi Duca ed è quello del 34-23. Sul finale di frazione due canestri di Noemi Duca riportano lo svantaggio sotto la doppia cifra e si va così all’ultimo mini-intervallo sul 37-28.

La musica non cambia ed anche il quarto quarto comincia con le padrone di casa più in palla: parziale di 4-0 per il 41-28. Due liberi di Capucci riportano l’Happy a -11 prima che una serie di errori da una parte e dall’altra blocchino il punteggio per oltre 3′. Da qui alla fine succede poco: la Magika controlla senza patemi e porta a casa il match col punteggio di 46-32.

«Se non si fa mai canestro è impossibile vincere – commenta coach Rossi -, al di là della sfortuna che ci ha privato di due giocatrici fondamentali per i nostri equilibri offensivi. Era un partita alla cieca perché non si giocava da tanto e ci mancava il feedback del campo: abbiamo tenuto per 20′, poi 5′ di black-out a inizio terzo quarto hanno indirizzato la partita. Sull’atteggiamento della squadra posso dire poco, perché abbiamo difeso come dovevamo, ma in attacco abbiamo sbagliato tutto, anche tiri aperti: di questo mi prendo la responsabilità perché evidentemente non eravamo sufficientemente pronti».

La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 20 marzo, alle ore 20.30, per il match con il B.S.L. San Lazzaro.

Massimiliano Manduchi
Ufficio Stampa Happy Basket Rimini

]