Indietro
menu
Il confronto su Icaro Tv

La piscina a Viserba scalda il dibattito a Fuori dall'Aula

In foto: Gioenzo Renzi e Marco Zamagni
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 11 mar 2021 12:26 ~ ultimo agg. 19:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Martedì 16 marzo si svolgerà a Rimini un consiglio comunale tematico dedicato al progetto della nuova piscina comunale. La struttura sorgerà a Viserba Monte, nel parco don Tonino Bello. Una collocazione criticata dalla minoranza che ha richiesto una seduta ad hoc. Il dibattito è stato anticipato ieri sera nella trasmissione di Icaro Tv Fuori dall’Aula dove si sono confrontati il consigliere di Fratelli d’Italia Gioenzo Renzi e quello di Patto Civico Marco Zamagni. Una discussione, a tratti, molto accesa.

La nuova piscina comunale di Rimini, accantonato il progetto Acquarena in via della Fiera, si sposterà a Rimini Nord. L’area scelta dall’amministrazione è quella del parco Don Tonino Bello a Viserba, area a monte della via Sacramora e poco distante dal Centro Studi. Il progetto prevede una zona piscina con tre vasche, una per il nuoto e due per le attività di acqua fitness e avviamento al nuoto, e 18mila metri quadrati tra aree verdi attrezzate con giochi e dotazioni per lo sport, aree sgambamento cani, percorsi pedonali e parcheggio. L’intervento metterà mano anche al contesto urbano con un progetto di riqualificazione e implementazione che coinvolgerà l’attuale parco. Capitolo accessibilità: l’area, spiega l’amministrazione, è facilmente raggiungibile grazie agli interventi di riorganizzazione della viabilità come quello relativo all’asse di via Diredaua e quello, in completamento, Mazzini, Caprara, Serpieri e Domeniconi. In zona dovrebbe poi arrivare anche il prolungamento del Metromare. L’investimento sarà di circa 7,5 milioni. Ma se il progetto ha finora trovato il sostegno delle associazioni sportive e del mondo della scuola, che chiedono di fare il più in fretta possibile, non sono mancate le critiche in particolar modo sulla collocazione dell’impianto. La prossima settimana, martedì 16 marzo, si svolgerà un consiglio comunale ad hoc richiesto dalla minoranza, su sollecitazione del consigliere Renzi. Le istanze riguardano la salvaguardia del Parco Don Bello e del verde, la raggiungibilità effettiva della piscina anche dalle altre aree della città e i problemi di traffico. Contestato anche il fatto che il progetto contempli una vasca di soli 25 metri e non di 50 come, ad esempio, a Riccione. Nel mirino della minoranza anche le modalità usate dall’amministrazione, accusata di aver calato il progetto dall’alto senza la dovuta condivisione e con una fretta che viene letta in chiave elettorale. Insomma il dibattito è aperto