Indietro
menu
trattativa interrotta

I sindacati dei trasporti proclamano il primo sciopero nazionale dei lavoratori Amazon

In foto: il centro Amazon a Santarcangelo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 11 mar 2021 11:37 ~ ultimo agg. 11:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti hanno proclamato unitamente per lunedì 22 marzo uno sciopero generale di 24 ore dei dipendenti diretti dei magazzini e degli hub, cui è applicato il contratto nazionale della Logistica e di tutti i lavoratori e le lavoratrici delle aziende di fornitura in appalto di servizi di logistica, movimentazione e distribuzione delle merci della filiera Amazon in Italia.
“La trattativa con Assoespressi sulla piattaforma per la contrattazione di secondo livello della filiera Amazon- spiegano le organizzazioni sindacali – si è interrotta bruscamente a causa dell’indisponibilità dell’associazione datoriale ad affrontare positivamente le tematiche poste dal sindacato tra le quali la verifica dei turni, dei carichi e dei ritmi di lavoro imposti, la riduzione dell’orario di lavoro dei driver, la clausola sociale e la continuità occupazionale per tutti in caso di cambio appalto o cambio fornitore, la stabilizzazione dei tempi determinati e dei lavoratori interinali ed il rispetto delle normative sulla salute e la sicurezza”.

“Col suo comportamento inaccettabile di latitanza – Secondo Filt, Fit e Uiltrasporti – Amazon manifesta l’indisponibilità cronica ad un confronto con le rappresentanze dei lavoratori in spregio alle regole e alle tutele previste dal ccnl Logistica, Trasporto Merci e Spedizione e ad un sistema di corrette relazioni sindacali”.