Indietro
venerdì 11 giugno 2021
menu
All'RDS Stadium

Finali Coppa Italia Frecciarossa: l'Imoco Volley è la prima finalista

In foto: (Foto Rubin / LVF)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
sab 13 mar 2021 22:13 ~ ultimo agg. 23:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO-SAUGELLA MONZA 3-1 (25-17 26-28 25-14 25-20)

IL TABELLINO
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Folie 3, Egonu 29, Hill 14, De Kruijf 13, Wolosz 1, Sylla 12, De Gennaro (L), Gennari 1. Non entrate: Adams, Caravello (L), Omoruyi, Fahr, Butigan, Gicquel. All. Santarelli.

SAUGELLA MONZA: Meijners 9, Danesi 7, Van Hecke 14, Begic 12, Heyrman 5, Orro 1, Parrocchiale (L), Davyskiba 1, Orthmann, Squarcini, Carraro, Obossa. Non entrate: Negretti (L). All. Gaspari.

ARBITRI: Piana, Curto.

NOTE – Durata set: 24′, 35′, 22′, 30′; Tot: 111′.

CRONACA E COMMENTO
L’Imoco Volley Conegliano è la prima finalista della 43^ Coppa Italia di Serie A1 Femminile. Le pantere di Daniele Santarelli superano 3-1 la Saugella Monza e domenica potranno difendere il titolo conquistato un anno fa a Busto Arsizio. Il successo delle gialloblù è tutt’altro che semplice: merito di una prova grintosa delle brianzole, che conquistano il secondo parziale in volata e restano avanti nel punteggio per lunghi tratti nel quarto prima di arrendersi. Il punto del 19-18 nel quarto set, strappato grazie a un volo di De Gennaro tra le sedie della panchina, è il momento di svolta del match. Egonu è la top scorer con 29 punti e riferimento costante in attacco, in doppia cifra anche Hill (14), De Kruijf (13) e Sylla (12). Tra le lombarde, positive Van Hecke (14) e Begic (12).

Sestetti collaudati in campo. L’Imoco parte con Egonu opposta a Wolosz, Sylla e Hill in banda, Folie e De Kruijf al centro e De Gennaro libero. La Saugella risponde con Orro in diagonale con Van Hecke, Begic e Meijners in posto 4, Danesi e Heyrman al centro, Parrocchiale libero.

Le pantere prendono un piccolo margine di vantaggio a inizio partita, con la fast di Folie e la parallela di Hill che scrivono l’8-5. I primi due videocheck modificano altrettante decisioni arbitrali a favore delle brianzole, che restano a contatto (11-9). Egonu e Sylla scaldano il braccio, Hill a segno da seconda linea e sul 16-10 coach Gaspari chiama time out. I due muri di Van Hecke e Begic riavvicinano la Saugella, subito ricacciata indietro dal tocco di De Kruijf (21-15). Dalla panchina rosablù entrano Carraro e Orthmann. Egonu e l’errore della tedesca portano l’Imoco al set point, Sylla fa 25-17.

Due punti di Begic tengono in quota la Saugella in avvio di secondo set, due di Meijners danno alle lombarde il primo vantaggio sul 7-8. Orro trova l’ace del 9-11, Danesi il fulmineo primo tempo del 10-12. Impatta Conegliano con Egonu, servita dal palleggio di Hill. Diagonale strettissimo di Van Hecke, ancora pareggiata da Egonu (14-14). Muro di Meijners su Egonu e sul turno di servizio di Begic Monza scappa sul +3 (14-17). Entra Gennari in battuta e controbreak gialloblù (17-17). Si procede in equilibrio, a Meijners risponde Egonu. Ace di De Kruijf, sorpasso Imoco sul 21-20. La palla scotta, ma Begic non trema e firma il 22-22. Wolosz si affida a Egonu, Orro apparecchia per la fast di Heyrman. Ancora Egonu (11 punti nel set) conquista il set point per le pantere, sprecato dal servizio out di Folie. Egonu ha la palla del 26-24, ma Danesi le dice di no con un super muro: 25-25. La stessa opposta della Nazionale pesta la linea dai tre metri e il set point è rosablù. Van Hecke sbatte contro De Kruijf e 26-26. Wolosz invade (lo certifica il videocheck), Sylla manda out la parallela e 26-28. Tutto in parità.

L’Imoco reagisce al set perso salendo 4-1 nel terzo e poi 8-5 con l’efficacia di De Kruijf sotto rete e l’ace d Egonu. Sylla colpisce per l’11-7 che induce coach Gaspari a fermare il gioco. La stessa Sylla è protagonista dell’allungo fino al 13-8. Block-in in sequenza di Egonu e Hill per il 16-10. Dentro Carraro tra le brianzole, quindi sul 18-11 Orthmann e Davyskiba. Il divario non muta, qualche imprecisione di troppo della Saugella consente alle pantere di salire 23-14 e chiudere poco dopo 25-14.

La serie di punti consecutivi dell’Imoco prosegue nelle prime battute del quarto parziale, con il turno di servizio di Egonu che scava un divario già consistente (4-0). La Saugella, però, approfitta di alcuni errori delle pantere per sorpassare 4-5. Uno scambio spettacolare è risolto dal mani out di Begic. Sale l’intensità del gioco, con tanti punti contesi. Monza conserva due punti di vantaggio, tocca il massimo vantaggio sull’11-14 prima che il tocco di seconda di Wolosz e il muro di Folie su Heyrman firmino il -1 (14-15). Altro block-in gialloblù e parità a quota 16. Un miracolo di De Gennaro tra le sedie della panchina allunga uno scambio chiuso da Hill: è il 19-18, che pare spostare l’inerzia dalla parte delle pantere. Egonu inchioda l’ace del +2 e time out Gaspari. Meijners manda in rete il servizio, Van Hecke forza su un pallone molto staccato e 22-19. Il servizio di Squarcini è neutralizzato dalle gialloblù, che si issano sul 24-20 e festeggiano il 25-20 sull’ace di De Kruijf, certificato dal videocheck.

“Di positivo c’è che abbiamo conquistato un’altra finale, non c’è mai nulla di scontato – racconta Daniele Santarelli, coach dell’Imoco -. Siamo calati molto nel secondo set e giustamente l’abbiamo perso nonostante abbiamo avuto le occasioni per chiuderlo. Domani avremo bisogno di una prova più concreta, la Coppa Italia bisogna meritarsela sul campo. Se non ci esprimiamo di squadra diventiamo ‘normali’, tutti quanti spingono al 100% e se non lo fai non riesci a giocare al top. Oggi a tratti non l’abbiamo fatto. Sarà giusto capire perché approcciamo così bene e poi rallentiamo. Credo sia una questione di testa, dovremo essere più lucidi. Abbiamo ricevuto benissimo, per questo avremmo potuto fare meglio negli altri fondamentali”.

“C’è da rimproverarci il fatto che abbiamo costruito tanto ma ci siamo trovati in più di una occasione a gestire male il primo tocco – sottolinea Marco Gaspari, coach della Saugella -. La squadra ha lottato tanto eccetto la metà del terzo set, era molto concentrata, mi è dispiaciuto il fatto che ci siamo incartati in free ball e non abbiamo ottimizzato alcune battute slash. Contro di loro queste cose le paghi, perché in queste gare se sbagli qualcosa poi fai fatica. Sapevamo di incontrare la squadra più forte del mondo al momento, ma non credo che la mia squadra abbia demeritato. Abbiamo una Finale di CEV Cup fra pochi giorni, quindi dobbiamo prendere quello che c’è stato di buono oggi e pensare alla sfida di martedì”.

IL PROGRAMMA DEL WEEKEND
FINALI COPPA ITALIA FRECCIAROSSA
LA FINAL FOUR DELLA 43^ COPPA ITALIA A1
Sabato 13 marzo, ore 18.00 (diretta Rai Sport HD)
Imoco Volley Conegliano – Saugella Monza 3-1 (25-17 26-28 25-14 25-20)

Sabato 13 marzo, ore 20.30 (diretta Rai Sport HD)
Igor Gorgonzola Novara – Reale Mutua Fenera Chieri in corso

Domenica 14 marzo, ore 18.00 (diretta Rai Sport HD)
Finalissima

24^ COPPA ITALIA SERIE A2
Domenica 14 marzo, ore 14.30 (diretta Sportmediaset.it)
CBF Balducci HR Macerata – LPM BAM Mondovì