Indietro
menu
L'annuncio di Draghi

Dopo Pasqua, scuole riaperte fino alla prima media anche in zona rossa

In foto: Mario Draghi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 26 mar 2021 14:36 ~ ultimo agg. 27 mar 12:18
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il nuovo decreto del Governo confermerà le misure anticovid attualmente in vigore. Lo ha spiegato in conferenza stampa il presidente del consiglio Mario Draghi dopo la cabina di regia proseguita fino in tarda mattinata. L’unica novità riguarda la scuola: previsto infatti il ritorno in classe fino alla prima media anche in zona rossa. “Il ministro Bianchi sta lavorando perché la riapertura avvenga in modo ordinato” ha detto. Benchè la situazione resti critica si denotano alcuni segnali di miglioramento e “la volontà era che se ci fosse stato uno spazio – ha detto Draghi – lo avremmo utilizzato per la scuola. Solo fino alla prima media perchè ci sono evidenze scientifiche che spiegano che è fonte di contagio in modo limitato. E quello che ci sta intorno, dai trasporti alle altre attività, che sono rischiose e più si alza l’età, più aumentano queste opportunità“. “Le scuole – precisa – sono un punto di contagio molto limitato solo in presenza delle altre restrizioni“. “Ci sono state scelte dei Governatori che dovranno essere riconsiderate alla luce della scelta di inserire la scuola in presenza come un obiettivo fondamentale del Governo” ha aggiunto Draghi rispondendo ad una domanda sulle chiusure decise autonomamente da alcuni presidenti di Regione.

Il presidente Draghi ha detto anche che il governo intende intervenire sugli operatori sanitari non vaccinati. “Non va bene – ha detto – che siano a contatto con malati. La ministra Cartabia sta prendendo un provvedimento a riguardo“.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Redazione