Indietro
menu
Niente forzature, spazio a idee

Donne e politica, Pd e candidature riminesi. Intervista ad Emma Petitti

In foto: Emma Petitti
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 8 mar 2021 11:27 ~ ultimo agg. 9 mar 10:44
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il ruolo delle donne nella politica, le dimissioni del segretario Pd Zingaretti, le accese discussioni riminesi sulle candidature, il rinvio del voto in autunno. Questa mattina Emma Petitti, presidente dell’assemblea legislativa regionale e candidata in pectore a Rimini insieme a Jamil Sadegholvaad, è intervenuta alla trasmissione di Icaro Tempo Reale. “Riportiamo le idee al centro del dibattitto” ha detto “su quello che vogliamo fare per Rimini“. “La pandemia ci ha portato via le assemblee e la possibilità di fare le primarie – ha aggiunto – ma ora non è il tempo di pensarci. Valuteremo più avanti se si potranno fare più avanti“. La Petitti ha accennato anche al dibattito sulla sua candidatura: a Rimini “stiamo chiudendo un ciclo ed è normale parlare anche in maniera accesa e intellettualmente onesta di presente e di futuro. Non credo però che si debba cadere nel tranello delle polemiche. Fare forzature nei percorsi politici dentro al Pd e al centrosinistra provoca solo fratture e divisioni di cui non abbiamo bisogno“. E sul rinvio del voto in autunno? “Il tempo può aiutare se lo sappiamo utilizzare bene. Non dobbiamo cadere in divisioni e personalismo ma mettere al centro idee, valori e programmi.

L’intervista integrale