Indietro
menu
gazebo nelle piazze

Apertura di Letta alle primarie. Sadegholvaad: manca obiettivo condiviso

In foto: Jamil Sadegholvaad
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 29 mar 2021 13:11 ~ ultimo agg. 13:17
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo l’apertura del segretario del PD Enrico Letta alla primarie per la scelta dei candidati si riapre la riflessione anche a Rimini. Per Jamil Sadegholvaad le primarie vanno bene, ma devono essere legate alla comune condivisione dei valori. Sono strumento valido se si condivide un obiettivo comune, ma questo, secondo Sadegholvaad, a Rimini non sta avvenendo. “Lasciamo perde ipocrisie e tatticismi” dice il candidato in pectore. L’assessore è convinto che in questo clima le primarie rischiano di essere un fallimento per tutti e dunque sarebbe meglio esperire tutti i tentativi per un incontro.

La nota:

Il pronunciamento del segretario PD Enrico Letta e i passi successivi del suo “emissario” Francesco Boccia rappresentano un fondamentale elemento di chiarezza anche per Rimini. Ne dobbiamo tenere conto, così come il modello organizzativo proposto – e cioè gazebo e presenza – nel momento in cui (speriamo il prima possibile) la situazione dei contagi e la campagna vaccinale dovessero contemporaneamente svuotare e riempire il vaso del ritorno alla normalità. Primarie okay, dunque, se in precedenza non dovesse avvenire una convergenza negli organi dirigenti del partito e della coalizione. Ma con regole d’ingaggio precise, a partire da quella non negoziabile: le primarie sono uno strumento di consultazione democratica, indissolubilmente legato a una comune condivisione di valori, lealtà, rispetto.

Ci si può, anzi ci si deve confrontare magari su una proposta di governo locale più aperta alla società o più “chiusa” dentro le dinamiche di un partito; un programma amministrativo più innovativo oppure più conservatore. Ma tutto questo ha una ragione e un senso se, di fondo, si condivide un obiettivo comune e leale. Domanda: questo sta avvenendo, ad esempio, a Rimini? Ho molti dubbi.

Se è la verità e non l’unanimità la direzione di marcia del PD di Enrico Letta, allora lasciamo perdere ipocrisie e tatticismi. Io continuerò fino all’ultimo, e ripeto quello che ho scritto giovedì scorso, a cercare ostinatamente di costruire un percorso di confronto per trovare insieme le ragioni che possano valorizzare e ampliare la straordinaria e innovativa esperienza amministrativa di questi anni e, insieme, che mantengano forti e vivi i valori di solidarietà, partecipazione e inclusione nel centrosinistra.