Indietro
menu
Incomprensioni con Renzi

Zilli e Spina in Fratelli d'Italia. L'ex Fi: qualche resistenza ma ora campagna elettorale

In foto: Carlo Rufo Spina
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 4 feb 2021 13:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Da un paio di giorni è arrivata l’ufficialità del passaggio di Carlo Rufo Spina e Filippo Zilli in Fratelli d’Italia. In tempo per una campagna elettorale che sta ormai per partire. “Una notizia che era attesa da parecchi mesi – spiega Spina (ex Forza Italia) nella sua prima uscita ufficiale col nuovo partito alla trasmissione di Icaro Fuori dall’Aula – io e Filippo stiamo portando avanti da tempo questo percorso col partito sia a livello locale che nazionale. Finalmente è arrivato il passaggio ufficiale“. Spina spiega anche il perché del lungo iter: “ci sono stati un po’ di problemi per ragioni di natura politica, o forse personale col capogruppo Gioenzo Renzi ma mi auguro che queste incomprensioni siano acqua passata visto che abbiamo davanti una campagna elettorale e la squadra deve essere coesa.” Ancora nel centro destra manca il nome del candidato. “Ci eravamo dati l’obiettivo di arrivare ad una idea ben definita entro il mese di febbraio – dice Spina – e confido che questo sia il mese decisivo“. Le scelte storicamente nel centrodestra non sono mai semplici. “A sinistra decide il Pd – argomenta Spina – mentre da noi c’è sempre stato un tripartito con Lega, FdI e FI. Ora stiamo andando su un centrodestra tendenzialmente bicefalo anche se resta fondamentale l’apporto di Forza Italia. Fare la doverosa sintesi su tutto non è una missione facile, ma ce la faremo.

Per quanto riguarda i nomi dei possibili candidati sindaco nessuno ancora si sbottona. Sembra però che, nonostante la volontà del segretario della Lega Romagna Jacopo Morrone di identificare una figura civica, il centrodestra stia andando verso un nome politico. Forse già tra quelli che si sono fatti le ossa in consiglio comunale.