Indietro
menu
Questione di contenitore

Tari per casa scout di Morciano. Le precisazioni di Hera

In foto: la casa scout
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 17 feb 2021 18:29 ~ ultimo agg. 18:35
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Da Hera arrivano precisazioni in merito alla situazione relativa al gruppo scout di Morciano, che lamenta un importo eccessivo nel bollettino Tari 2020. Alcuni elementi erano già stati anticipati questa mattina dal sindaco di Morciano Giorgio Ciotti (vedi notizia).

Hera precisa innanzitutto “di non avere mai ricevuto ad oggi alcuna richiesta di chiarimenti, sebbene i canali di contatto a disposizione degli utenti siano molteplici. Inoltre l’incremento dell’importo sostenuto è esclusivamente da attribuire alla richiesta, formulata dal cliente, di avere a disposizione per la struttura interessata un contenitore di volumetria molto rilevante (360 litri) per la categoria tariffaria di appartenenza: questo comporta l’attribuzione di una proporzionale quota variabile a base della tariffa”.

“Considerato l’esiguo numero annuale di conferimenti effettuati nel 2020, anno in cui il Comune di Morciano di Romagna è passato da Tari a Tariffa Corrispettiva Puntuale, il cliente potrebbe invece richiedere un contenitore di minori dimensioni, riducendo in tal modo sensibilmente la parte variabile della tariffa, raggiungendo così un importo del tutto analogo a quanto sostenuto nelle annualità precedenti”.

Hera, “consapevole dell’intervento del Comune per l’annualità 2020”, conclude suggerendo ai referenti dell’Associazione “di rivolgere quanto prima, attraverso uno dei canali aziendali di contatto, la richiesta di cambio contenitore e, se ci sono le condizioni, di adeguamento contrattuale, come previsto dall’apposito Regolamento comunale”.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini