Indietro
menu
tensione in stazione

Si rifiuta di dare i documenti e si scaglia contro i poliziotti. Un agente ferito

In foto: Gli agenti della Polfer in stazione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 18 feb 2021 18:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Io i documenti non ve li do”. Poi la reazione inaspettata, con gli agenti della Polfer presi a calci e pugni sul treno, fermo alla stazione di Rimini. E’ successo ieri tra l’incredulità e la paura dei viaggiatori.

Il giovane aggressore, un cittadino dominicano di 23 anni, durante il viaggio si era rifiutato di fornire le proprie generalità al capotreno. Che una volta arrivato alla stazione di Rimini ha richiesto l’intervento della Polfer. I due agenti saliti sul treno hanno invitato il giovane a mostrare i documenti: niente da fare. Poi, all’improvviso, il 23enne, fino a quel momento calmo, si è scaldato e ha colpito i poliziotti con ripetuti calci e pugni. Uno dei due, contuso, è ricorso alle cure del pronto soccorso.

Non è stato facile bloccare in sicurezza l’aggressore, ma, una volta immobilizzato, è stato fatto scendere dal treno e accompagnato negli uffici della Polfer, dove è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.