Indietro
menu
respinto ricorso Unione

Rsa di via Giusti. Tar riconosce ragioni del comune di Morciano

In foto: la rsa di via Giusti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 24 feb 2021 15:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il Tar dell’Emilia – Romagna ha respinto il ricorso che opponeva l’Unione della Valconca al Comune di Morciano di Romagna sulla RSA di via Giusti. Il tribunale amministrativo ha riconosciuto le ragioni del comune “legittimando l’ordinanza n.5 del 2015 con cui, rilevato il carattere abusivo del carattere edilizio, se ne ordinava la demolizione per difformità rispetto alla concessione rilasciata dagli uffici”.

Una sentenza, commenta il comune di Morciano, che mette fine ad un braccio di ferro durato quasi cinque anni. Nella sentenza si evidenzia come “sebbene sotto forma di mancata realizzazione degli interventi pattuiti”, il Comune abbia ravvisato “una serie di difformità tra quanto posto in essere dall’Unione e quanto previsto nel progetto presentato dall’Unione ed oggetto della concessione rilasciata”. In particolare non sono stati realizzati “il tratto di strada ed il relativo marciapiede, i parcheggi pubblici raggiungibili con tale strada, i percorsi interni nell’area esterna”. La ricorrente avrebbe dovuto realizzare i parcheggi pubblici e pertinenziali previsti, in proporzione alle superfici edificate, incombente necessario ai fini del rispetto degli standard urbanistici, sicché correttamente il Comune, accertata anche l’omissione in tal senso, ha contestato la violazione”.

Con questa sentenza giunge al termine un contenzioso partito ormai diversi anni fa in merito alla realizzazione della struttura di via Giusti – afferma il sindaco di Morciano Giorgio Ciotti -. Un contenzioso che da ultimo aveva visto anche la necessità da parte del Comune di Morciano di intervenire pesantemente da un punto di vista economico sull’immobile al fine di manutenzioni straordinarie mai realizzate dalla sua costruzione e fino al 2018. E’ volontà del Comune di continuare ad investire sulla Rsa, perfezionando nuovi lavori di manutenzione oltre a quelli che già sono stati completati su tutte le parti interne, ma anche sul tetto e l’impiantistica. Lavori che sono in programma per quest’anno e che mirano a garantire la perfetta fruizione da parte degli anziani ricoverati degli spazi al chiuso e all’aperto. Senza indugio il Comune oggi ancora più convintamente rispetto all’immediato passato procederà con la sistemazione anche delle aree tra la Rsa e via Giusti, nella fattispecie le urbanizzazioni, quali parcheggi, alberature e altro ancora, necessarie alla struttura”.