Indietro
menu
Zona arancione

Da ristoranti a mense per restare aperti. Le associazioni mettono in guardia

In foto: repertorio
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
ven 26 feb 2021 13:18 ~ ultimo agg. 19:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Da quando l’Emilia Romagna è tornata arancione, si stanno moltiplicando le iniziative dei ristoratori che propongono il servizio mensa per restare aperti in deroga alle limitazioni. Una opportunità importante ma da portare avanti con molta attenzione per non rischiare di incorrere in sanzioni. Lo spiegano Confesercenti e Confcommercio.

Ad esempio la deroga è applicabile solo nel caso in cui i locali abbiano sottoscritto specifici contratti di ristorazione collettiva con le aziende. Il ristoratore deve avere l’elenco dei nominativi del personale beneficiario del servizio da esibire in caso di controllo, inoltre è necessario esibire alle forze dell’ordine la copia dei contratti sottoscritti con le aziende per le quali si svolge il servizio di ristorazione. La deroga non è invece applicabile ai rapporti instaurati con i singoli titolari di partita Iva o liberi professionisti.

Questo il decreto di riferimento 

Le faq della Regione

La nota di Confesercenti

Dal ritorno dell’Emilia-Romagna in zona arancione stiamo assistendo alle iniziative di singoli ristoratori che, a quanto affermano, propongono il servizio di mensa sulla base di autocertificazioni e comunicazioni di partita Iva da parte dei clienti. Attenzione, perché stiamo cominciando a ricevere richieste da parte di ristoratori che vorrebbero fare altrettanto, ma si rischia di generare confusione e di incorrere in pesanti sanzioni. Ricordiamo infatti che già in gennaio il ministero dell’Interno ha chiarito che nei pubblici esercizi lo svolgimento dell’attività di ristorazione è consentito, nel rispetto delle misure di contenimento del contagio, in favore di lavoratori di aziende con le quali l’esercizio abbia instaurato un rapporto contrattuale per la somministrazione di alimenti e bevande. Deve perciò essere stipulato un contratto tra esercente e datore di lavoro, e il ristoratore deve avere l’elenco dei nominativi del personale beneficiario del servizio da esibire in caso di controllo.

Il ministero ha chiarito anche che diversamente non è consentita la possibilità per il titolare di partita Iva o libero professionista di instaurare con un pubblico esercizio un rapporto contrattuale di somministrazione al tavolo di alimenti e bevande, mancando la necessaria caratteristica di ristorazione collettiva del servizio di mensa o catering continuativo.

Siamo in un momento di grandissima difficoltà e preoccupazione per i pubblici esercizi e il commercio. Più che mai ora è importante che ci siano regole chiare e condivise che valgono per tutti. La soluzione non è offrire servizi di mensa con le modalità che stiamo vedendo da parte di alcuni operatori. Nel frattempo come Confesercenti abbiamo lanciato la nostra proposta con la quale vogliamo sensibilizzare gli enti decisori ed il Governo per sostenere il settore, e avviato la raccolta di firme “Aiuta il tuo locale”: chiediamo che i pubblici esercizi possano svolgere il loro normale servizio fino alle 22 in zona gialla e fino alle 18 in zona arancione.

La nota di Confcommercio

Il ministero dell’Interno ha chiarito che, in area Arancione, i pubblici esercizi possono svolgere nei propri locali attività di mensa e catering continuativo su base contrattuale, nel rispetto delle misure di contenimento del contagio, in favore di lavoratori di aziende con le quali sia stato stipulato apposito contratto. Diverse attività anche nella nostra provincia – spiega Gaetano Callà, presidente di FIPE-Confcommercio della provincia di Riminisi sono attrezzate per utilizzare questa opportunità, che grazie ad apposite norme va in deroga alle limitazioni di apertura dei pubblici esercizi imposte dal DPCM del 14 gennaio 2021. In tanti lo stanno facendo bene, allo stesso tempo però ci sono state segnalate interpretazioni errate di questa normativa.

Da parte nostra abbiamo da tempo informato i soci sulle modalità esatte da seguire per fornire il servizio di mensa su base contrattuale, compresi i chiarimenti inviati dal ministero e dalla Regione Emilia Romagna tramite Faq e il cartello da affiggere all’ingresso del locale, continuando a rispondere a decine di telefonate che ogni giorno arrivano alla nostra Associazione.
L’opportunità di servire al tavolo con servizio mensa, che di fatto è una deroga alle chiusure imposte, è applicabile ai pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande solo nel caso che abbiano sottoscritto specifici contratti di ristorazione collettiva con le aziende. Gli esercenti, per agevolare eventuali controlli delle forze dell’ordine, dovranno esibire la copia dei contratti sottoscritti con le aziende per le quali si svolge il servizio di ristorazione e l’elenco dei nominativi dei dipendenti dell’azienda beneficiari del servizio.

Sottolineiamo, come chiaramente specificato nella Faq della Regione Emilia Romagna, che tale deroga non si applica invece ai rapporti instaurati con i singoli titolari di partita Iva o liberi professionisti, non essendo configurabile, in questi casi, il connotato indefettibile del servizio mensa o catering su base contrattuale, ossia il servizio di ristorazione collettiva. Questa deroga alle chiusure è frutto di un lungo lavoro di concertazione ed è stata ottenuta al solo fine di consentire ai dipendenti delle aziende che lavorano in presenza di poter usufruire di un pasto caldo.

Comprendiamo che il periodo di grave difficoltà possa portare ad interpretare le disposizioni e che eventuali errori siano fatti in buonafede, ma come Associazione che tutela l’intero comparto dei pubblici esercizi, non possiamo permettere che diventi un escamotage, come accade per quelle strutture ricettive che servono pasti non solo a chi vi pernotta, eludendo norme ampiamente chiarite dai legislatori e non interpretabili in modo estensivo.

Chi non rispetta le norme può andare incontro a pesanti sanzioni, rischiando oltretutto di vanificare il lavoro che come associazione di categoria stiamo facendo per fare riaprire in modo concreto le nostre attività. Continuiamo a lavorare sui tavoli istituzionali a tutti i livelli affinché, dove le condizioni sanitarie lo permettano, si possa riaprire al servizio al tavolo a pranzo anche in Zona Arancione e a cena in Zona Gialla, rendendo le misure restrittive più selettive. Occorre rispetto per il lavoro di oltre un milione di persone e per un’intera filiera che proprio in bar e ristoranti ha un fondamentale punto di riferimento”.

Notizie correlate
di Redazione