Indietro
menu
Corsini risponde a critiche

Ristori Regione salgono a 25 milioni: altri 4 per attività asporto

In foto: Andrea Corsini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 26 gen 2021 17:39 ~ ultimo agg. 17:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ai 21,3 milioni già destinati dalla Regione per gli imprenditori di bar e ristoranti, se ne aggiungeremo a breve altri 4 per le attività artigianali di asporto, quali pizze al taglio, gelaterie, piadinerie, pasticcerie. Lo ha annunciato l’assessore regionale Andrea Corsini spiegando che in soli sei giorni dall’avvio del bando ristori sono 4.200 le domande accolte.

L’assessore al Commercio replica ad alcune critiche mosse dai consiglieri di minoranza. “Leggo – dice – dichiarazioni di alcuni esponenti del centrodestra, ovviamente critiche. Capisco che quando si dice ‘basta burocrazia’ si prendono applausi, ma attenzione a non confondere la legalità con la burocrazia. Perché, applausi a parte, noi vogliamo essere sicuri che i soldi pubblici arrivino effettivamente nei conti correnti dei ristoratori che ne hanno diritto- prosegue Corsini-, seguendo quello che dice la legge, così come d’altra parte, per provvedimenti simili al nostro, stanno facendo altre amministrazioni regionali e comunali. Questo non vuol dire non ascoltare chi ha difficoltà, soprattutto in un momento delicato come quello che stiamo vivendo. Proprio per questo, nelle sedi opportune, abbiamo chiesto un intervento chiarificatore nello specifico sul Durc, per capire se possono esserci interventi dello Stato in grado di alleggerire le norme”.

Corsini ricorda che il bando prevede tempi ampi per la verifica della regolarità contributiva e quindi l’impresa può procedere alla regolarizzazione della sua posizione e, come da normativa nazionale, il debito può essere rateizzato.

Capisco che, anche in mezzo a una pandemia– chiude – ci sia chi voglia comunque fare polemica, ma io guardo ai fatti e ai risultati. E in questo momento direi che più di flop si può parlare di boom di domande. Segno che abbiamo saputo interpretare bene i bisogni dei nostri imprenditori

Notizie correlate
di Redazione