Indietro
menu
Molti casi in piccoli comuni

Ricoveri covid: Romagna oltre il livello rosso. Tanti casi a Santarcangelo

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mer 13 gen 2021 14:17 ~ ultimo agg. 14 gen 13:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Romagna resta oltre il livello rosso per quanto riguarda la situazione dei ricoveri nelle strutture ospedaliere. Il report dell’Ausl relativo alla settimana 4-10 gennaio, evidenzia 619 pazienti ricoverati, 11 in più rispetto a sette giorni prima. Si tratta di un dato di poco sotto al picco di 621 toccato un paio di settimane fa. Calano invece i ricoveri in terapia intensiva, 41 rispetto ai 44 del precedente report. Anche se il bollettino regionale di ieri (martedì 12) ne evidenziava già 50 (25 solo a Rimini).

Sebbene nel periodo di riferimento si registrino lievi cali della maggior parte degli indicatori, possiamo affermare che nelle ultime settimane i dati continuano a mantenere un andamento a dente di sega – commenta il direttore sanitario dell’Ausl Romagna Mattia Altini -, e conseguentemente, nonostante l’inizio delle vaccinazioni, resta indispensabile mantenere altissima la guardia e rispettare le linee guida relative alle pratiche per cercare di limitare il rischio di contagio. Ormai l’abbiamo detto tante volte: i dati dei ricoveri devono calare, altrimenti rischiamo di mettere a repentaglio l’attività anti covid. E non dobbiamo neppure sottovalutare il rischio di nuovi picchi che, sebbene in Romagna la situazione sia leggermente migliore che altrove, metterebbero a dura prova la tenuta dei servizi, in particolare quelli ospedalieri. Veniamo da quasi 11 mesi di sforzi sovrumani da parte del personale, che ringraziamo una volta di più, e di conseguenza, proprio perchè col vaccino si inizia a intravedere la luce in fondo al tunnel, tutti dobbiamo essere pronti a qualche sacrificio, se servirà, per uscirne il prima possibile e intanto limitare i danni“.

Il report evidenzia nella settimana di riferimento 3.742 nuove positività su un totale di 33.687 tamponi, con una incidenza dell’11,1% in linea rispetto al dato della settimana precedente. Da segnalare un forte aumento nel cesenate (passato dall’11,35 al 13,39 a fronte di un calo nelle altre province (a Rimini l’incidenza è del 12,5%). La percentuale di asintomatici media romagnola è sul 40 % mentre i tempi di refertazione dei tamponi entro le 48 ore si attesta sull’89%.

La provincia di Rimini resta in vetta in Romagna per numero di contagi (3.386 i casi attivi) ma si registra uno scatto in avanti anche a Cesena (2.869). Il maggior numero di positivi si conferma nel capoluogo Rimini con 1.649 casi attivi e 618 nuove diagnosi nella scorsa settimana. Subito dietro c’è il comune di Santarcangelo, particolarmente colpito in questa seconda ondata pandemica, con 342 positivi e 103 nuove diagnosi. In tripla cifra per casi attivi anche Coriano (179), Bellaria Igea Marina (176), Riccione (175) e i piccoli comuni di Montescudo-Monte Colombo con 105 (di cui 23 nuovi) e Poggio Torriana con 102 (29 nuovi). Casteldelci si conferma, almeno attualmente, covid free. Dall’inizio della pandemia la provincia ha avuto 586 decessi.

 
Notizie correlate
di Redazione