Indietro
menu
Parla il segretario Sacchetti

Nervi tesi nel Pd in vista delle amministrative. Il punto su Rimini e Cattolica

In foto: Filippo Sacchetti
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 22 gen 2021 12:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nervi tesi nel Partito Democratico riminese in vista delle amministrative. A Rimini emergono sempre più forti i contrasti tra le varie anime del partito impegnato nella ricerca del candidato e col dubbio sulle primarie. Nel pomeriggio di giovedì il capogruppo del PD in Consiglio Comunale Enrico Piccari ha trasmesso un intervento in cui, ripercorrendo il percorso e i risultati dell’amministrazione Gnassi, auspicava un percorso unitario per arrivare a definire il candidato a sindaco insieme alla coalizione. A stretto giro però l’altro consigliere del PD Giovanni Casadei ha preso le distanze dall’intervento di Piccari: non rappresenta tutti i consiglieri del PD, ma è una forzatura che alla fine non fa altro che “sancire la divisione gridando all’unità”. Oggi la voce di un altro consigliere Matteo Petrucci che richiama ai programmi: “non vorrei che con l’obiettivo frenetico di scansare lo spauracchio delle primarie, distogliessimo la nostra attenzione da tematiche di fondamentale importanza per la città“. Difficile fare sintesi. Anche a Cattolica la situazione è complessa con un dialogo cercato dal Pd ma non ancora partito col sindaco uscente Mariano Gennari del M5S. A Tempo Reale, benché molto abbottonato, ha cercato di fare il punto il segretario provinciale del Partito Democratico Filippo Sacchetti. Un percorso accidentato verso il voto – spiega – che si inserisce in uno ancora più accidentato dettato dalla pandemia e dalla crisi di Governo. Un clima di tensione che arriva anche sul territorio. E le fibrillazioni crescono.” “Il tema politico – prosegue parlando di Rimini – è che come centrosinistra abbiamo bisogno di stare tutti uniti e gli appelli a farlo devono essere praticati concretamente e non restare solo affermazioni. Ai singoli viene chiesto un po’ di sacrificio per ottenere un risultato collettivo. Il nostro tentativo, l’obiettivo ideale, è quello di arrivare ad una soluzione unitaria che tenga unita tutta la coalizione. Se non si realizzerà, lo statuto prevede le primarie per dare una risposta“.

Notizie correlate
di Lamberto Abbati