Indietro
menu
"Riccione Winter"

A Riccione prorogata la gratuità Cosap per pubblici esercizi e ambulanti

In foto: A Riccione prorogata la gratuità Cosap per pubblici esercizi e ambulanti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 11 gen 2021 14:53 ~ ultimo agg. 15:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Per assicurare il rispetto delle misure di distanziamento connesse all’emergenza Covid, a Riccione la Cosap resta gratuita fino al 31 marzo per pubblici esercizi e ambulanti del mercato. Lo ha deciso la Giunta comunale ricordando che “per effetto dell’emergenza sanitaria sono stati emanati diversi provvedimenti, sia a carattere nazionale che regionale e locale, volti a contenerne la diffusione e gli effetti, tra cui in ultimo il DPCM 3 dicembre 2020 che ha disposto la sospensione o la limitazione delle attività e dei servizi di ristorazione e del commercio nei mercati”. Tavolini, sedute e ombrelloni su suolo pubblico, purché funzionali all’attività, non saranno soggetti a Cosap.
La gratuità rientra all’interno dell’iniziativa “Riccione Winter”.

“Riccione Winter come Riccione Square Estate sono state due iniziative che hanno permesso ai nostri imprenditori di lavorare nonostante le restrizioni – ha detto l’assessore alle attività produttive, Elena Raffaelli – Riccione ha una ricchezza diffusa tra le sue piccole, medie e grandi imprese di ristorazione, di commercio, di turismo troppo trascurate dalle scelte del Governo. Una grande partita per tutto il tessuto imprenditoriale turistico si deve aprire sul Recovery, sapendo ascoltare gli enti locali, i Comuni soprattutto, che hanno il vero polso della situazione, che conoscono le realtà e quindi le necessità di una comunità. Senza l’ascolto di queste sarà un ennesimo buco nell’acqua sapendo che la politica dei ristori ha le gambe corte, serve invece ridare dignità al lavoro, dare la possibilità di aprire e lavorare alle imprese anche con protocolli più ristretti da ridiscutere con le categorie”.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO