Indietro
menu
"Serve chiarezza"

Zona rossa a Natale? Tosi: Bonaccini si attivi contro "strategia della confusione"

In foto: Renata Tosi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 15 dic 2020 15:19 ~ ultimo agg. 15:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La prospettiva di restizioni più forti per le feste di Natale, oltre ad incrementare pericolosamente la “strategia della confusione”, rischia di mettere in ginocchio gli operatori che si erano già attivati per garantire aperture in base all’ultimo Dpcm che proponeva altre prospettive. Lo afferma il sindaco di Riccione Renata Tosi che chiede al presidente della Regione Stefano Bonaccini, in qualità di presidente della Conferenza delel Regioni, di attivarsi per avere chiarezza e non lo “spauracchio” della zona rossa.


“Sono sconcertati le notizie di un cambio di rotta continuo del Governo. Oggi si torna a parlare di zona arancione potenziata o addirittura di blocco di Natale per pubblici esercizi e negozi. Da più parti mi arrivano richieste di aiuto, di chiarimenti, di bisogno di certezze sul lavoro e sul futuro. Gli operatori economici che, hanno già programmato in base ad un Dpcm, inizialmente garantito fino a gennaio, acquisti di merce e contratti con fornitori e manodopera, sono disperati. Se saranno costretti a chiudere avranno un doppio danno economico. Allo stesso tempo, i cittadini si sentono disorientati, non sanno più come affrontare i prossimi giorni, perché psicologicamente e non solo economicamente, con questa strategia delle confusione si sta distruggendo la coesione di intere comunità. Il Governo e le istituzioni sono chiamate ad intervenire quando nelle comunità di cittadini vengono deliberatamente messi in contrapposizioni gli interessi fondamentali. Sembra che con il caos e con la strategia della confusione si vogliano contrapporre giovani contro anziani, operatori economici contro medici, famiglie contro lavoratori. Chi ha paura del contagio e chi è costretto a sfidare il contagio per portare il pane in tavola o mantenere l’azienda. Dividi et impera  in Romagna si direbbe che è una strategia vecchia come il cucco. Basta quindi

In questo contesto, al presidente Bonaccini in qualità di presidente della conferenza delle Regioni, rivolgo caloroso appello: si faccia più pressante nell’azione persuasiva nei confronti del Governo e raccolga e faccia sue le posizioni che arrivano dalle città romagnole e dai Comuni costieri.  Presidente Bonaccini promuova una conferenza dei Comuni e poi si faccia garante dei diritti di tutti e della coesione stessa delle sue comunità nei confronti del Governo. Ora serve una parola di chiarezza e non lo spauracchio della zona rossa”.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Redazione   
VIDEO