Indietro
menu
Un'area per Marilena Pesaresi

Piazze per don Oreste Benzi e don Giancarlo Ugolini. Approvate le intitolazioni

In foto: il taglio del nastro della rinnovata piazza della stazione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 16 dic 2020 15:02 ~ ultimo agg. 15:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
La prima Commissione Consiliare Permanente del Comune di Rimini, questa mattina, ha espresso il suo parere positivo sulla proposta di intitolazione,  presentata dal sindaco, per dedicare la piazza della stazione ferroviaria a don Oreste Benzi, il parroco riminese, fondatore della Comunità Papa Giovanni XXIII. Un luogo simbolo della sua opera di carità e di accoglienza verso i più deboli, condotta durante la sua vita. Oltre alla piazza dedicata a don Oreste Benzi, la commissione ha dato parere favorevole anche ad altre sei intitolazioni:
• La rotatoria in prossimità di Piazzale Vannoni , proposta come “Rotonda Isabella Soleri – Benefattrice  (1895-1953)”;
• L’area tra Via Siracusa e Via Melucci, proposta come “Giardino Maria Rita Brondi – Musicista riminese (1889-1941)”;
• La rotatoria tra Via della Fiera, Via Euterpe e Via Panzini, proposta come “Rotonda Vincenzo Scozzoli – Vescovo di Rimini (1858-1944)”;
• La ridenominazione di Piazzale Gondar, proposto come “Piazzale Don Giancarlo Ugolini – Fondatore Scuole Karis Foundation (1929-2009) già Piazzale Gondar”;
• La pista ciclo-pedonale nel tratto tra Via Covignano e Via Marecchiese, proposta dalla commissione come “Pista ciclo-pedonale Alda Merini – Poetessa (1931-2009)”;
• La piazza circolare della darsena, proposta come “Piazza Angelo Marconi – Imprenditore (1930-2011)”.

Si procederà prossimamente anche all’intitolazione alla dottoressa Marilena Pesaresi – scomparsa nel dicembre del 2018 – Sigismondo d’Oro nel 1998, fondatrice, anima e cuore dell’ospedale civile di Mutoko in Zimbabwe, dell’area di circa 8mila mq. che il Comune di Rimini ha ricevuto in donazione da Giorgio e Gilberto Casadei. Una proposta per la quale il Comune chiederà la deroga alla consueta attesa dei 10 anni dalla morte, prevista dalla legge, per poter intitolare un luogo della città ad una persona.