Indietro
menu
Rinaldis: beffa di capodanno

Nuovo Dpcm, le perplessità delle categorie riminesi

In foto: il premier Conte
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 4 dic 2020 18:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono tanti i temi in discussione anche a livello locale nel giorno dopo il nuovo DPCM varato dal Governo. Confini chiusi tra comuni nei giorni di festa, coprifuoco anche a Natale e Capodanno, possibilità di apertura prolungata per i negozi. I negozi potranno restare aperti fino alle 21. Regole che cambiano repentinamente e che spingono le categorie e a chiedere aiuti strutturali, a partire dalle tasse.

Tra i punti su cui in riviera si è aperto subito il dibattito è il divieto di fare cenoni e veglioni, dopo le 22 negli alberghi. Una beffa per gli albergatori,  spiega Patrizia Rinaldis presidente dell’associazione albergatori di Rimini. Bar e ristoranti, in zone gialle saranno aperti con consumo al tavolo dalle 5 alle 18 con un massimo quattro persone al tavolo. L’asporto è consentito fino alle 22.

Le interviste a Rinaldis (Albergatori) e Vagnini (Confesercenti)

Altre notizie
di Simona Mulazzani
di Maurizio Ceccarini
 
Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Lucia Renati   
di Redazione