Indietro
menu
pronti alla vertenza sindacale

Luce sul mare. Lavoratori sul piede di guerra

In foto: La struttura dal mare. di Giorgio Salvatori
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 10 dic 2020 15:31 ~ ultimo agg. 15:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Con un comunicato congiunto Cgil Cisl e Uil denunciano la difficoltà dei lavoratori di Luce sul Mare, il centro riabilitativo riminese. I sindacati spiegano che non viene ancora applicato il rinnovo del contratto, sottoscritto due mesi fa. “Nemmeno nella mensilità’ di novembre i lavoratori vedranno l’adeguamento contrattuale, che prevede arretrati dal 1 luglio, una tantum e scatto di fascia per gli aventi diritto con decorrenza dal 1 aprile“. A nulla sarebbe servizio l’ennesimo incontro avvenuto il 7 dicembre. “Dopo 14 anni di attesa e 3 di contrattazione e a 2 mesi dalla firma gli animi ormai sono surriscaldati“. La situazione è molto difficile – aggiungono Cgil, Cisl e Uil – tra l’altro in un momento in cui diversi operatori e ospiti sono risultati positivi al covid.

Alle OO.SS è arrivata anche la proposta, considerata una provocazione-ricatto, di tornare al meno oneroso contratto delle cooperative oppure mantenere il CCNL AIOP ma con la struttura oraria del CCNL della cooperazione “cosa che comporterebbe per ogni lavoratore il “regalo” di 2 ore a settimana a Luce sul Mare“. Una proposta rispedita con forza al mittente: “laddove non ci fosse adeguamento economico e normativo, FP CGIL. CISL FP E UIL FPL dichiarano sin da ora che l’unica strada percorribile è quella della vertenza“.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
VIDEO