Indietro
menu
18enne arrestato

Coppia a passeggio fuori orario: lei era fuggita da casa. Spinte agli agenti

In foto: repertorio
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 20 dic 2020 12:34 ~ ultimo agg. 21 dic 13:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Passeggiavano alle 23 di sabato in via Gambalunga diretti verso il centro storico di Rimini. Una coppia di giovani è stata notata, all’altezza dell’incrocio con via Roma, da una pattuglia della Polizia di Stato che ha subito riconosciuto la ragazza, una 16enne tunisina (corporatura magra, capelli ricci e neri, occhi scuri, di statura 165 cm con un piercing ad anello sul naso) la cui scomparsa era stata denunciata dalla zia materna alla Questura di Padova. Fermati dagli agenti, i due spiegavano di non avere documenti e di essere di ritorno a casa dopo aver acquistato delle sigarette al distributore automatico di piazzale Cesare Battisti. La giovane, invitata in Questura per accertamenti, ha iniziato però a manifestare un certo disagio rifiutandosi di salire sull’auto. Al passaggio di tre connazionali, la ragazza ha approfittato di un momento di distrazione dei poliziotti per spintonare una agente e cercare la fuga sulla vicina via Roma. Mentre la polizia cercava di calmarla e farle capire quanto fossero preoccupati i suoi familiari, il ragazzo, un 18enne tunisino senza fissa dimora, colpiva con una ginocchiata alla schiena la poliziotta, facendole perdere l’equilibrio e consentendo alla 16enne di scappare. Per il 18enne è poi scattato l’arresto per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Due gli agenti feriti: oltre alla poliziotta (per lei cinque giorni di prognosi) anche un agente che si è procurato una escoriazione alla mano. Il giovane è stato sanzionato anche per violazione della normativa covid in quanto in centro, fuori dall’orario consentito e senza giustificato motivo. Inoltre nella colluttazione, il giovane ha perso due cellulari dalle tasche di cui non ha saputo indicare la provenienza guadagnandosi così anche un’altra denuncia per ricettazione. Dagli accertamenti è poi emerso che era stato arrestato il primo dicembre per resistenza ai danni di altri poliziotti, a seguito di un intervento nato dalla segnalazione di alcuni passanti che avevano notato tre ragazzi molesti. La 16enne invece, rintracciata questa mattina (domenica) da un’altra pattuglia, è stata denunciata per concorso nella resistenza e affidata ai servizi sociali.

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.