Indietro
menu
arriveranno prima di Natale

Buoni spesa. A Riccione in un giorno già 140 richieste

In foto: repertorio
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 10 dic 2020 15:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Da questa mattina e fino al 16 dicembre i cittadini di Riccione, in difficoltà economiche, possono presentare le domande per i buoni spesa per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità. Le domande arrivate ai Servizi alla Persona nel primo giorno sono state 140 (alle 9 di mattina erano già 78). Visto il grosso carico di lavoro è stato potenziato l’ufficio del Servizio alla persona e alla Famiglia: sono 10 gli impiegati dedicati al disbrigo delle pratiche, sia per il centralino e i numeri dedicati, sia per il controllo e smistamento delle domande.

Si lavora con impegno da questa mattina – ha detto l’assessore ai Servizi alla Persona e alla Famiglia, Laura Galli – . Vorrei ringraziare di cuore tutto il personale dei Servizi alla Persona perché sta lavorando con grande spirito di servizio ma soprattutto umanità, dote essenziale quando si trattano fragilità e bisogni. Poi questa tornata di buoni, che in parte vengono coperti da fondi nazionali, ma una parte consistente arriva direttamente dalle casse del Comune di Riccione, assumono un significato ancora più importante e decisivo per le famiglie visto che siamo nel mese di Natale. Le prime erogazioni verranno effettuate in tempo utile per le festività, ovviamente ci saranno degli scaglioni per gruppi, ma l’impegno è quello di soddisfare le domande degli aventi diritto velocemente“.

Per fare domanda la famiglia deve avere un valore ISEE non superiore a 35.000, in condizione di necessità economica contingente derivata dalla momentanea riduzione del reddito (verificatasi successivamente al 10.03.2020) causata dall’emergenza Covid-19. In particolare, per l’accesso al beneficio i richiedenti dovranno trovarsi in una condizione di riduzione del reddito annuale del nucleo familiare di almeno il 20% rispetto al reddito anno 2019, causato dell’emergenza COVID-19 (esempio cessazione/mancato rinnovo contratto di lavoro, cassa integrazione, riduzione o cessazione attività libero professionale, malattia o decesso componente nucleo familiare). L’assegnazione avverrà garantendo priorità ai nuclei familiari non assegnatari di sostegni pubblici continuativi (esempio Reddito di Cittadinanza, Pensione di Cittadinanza).  Sarà comunque riservata la possibilità di presentazione della domanda mediante l’Ufficio Assistenza (previo appuntamento telefonando al 0541/428911) esclusivamente nei casi di assoluta impossibilità a procedere mediante il portale on-line. L’entità del buono è parametrizzato al calo del reddito (minore al 50% o maggiore o pari al 50%) e alla composizione del nucleo familiare. L’importo massimo erogabile è di 510 euro a nucleo familiare. I buoni spesa saranno assegnati fino a concorrenza delle risorse disponibili, verrà accreditato direttamente sulla tessera sanitaria del richiedente mediante sistema di voucher elettronici e potrà essere utilizzato negli esercizi inseriti nell’elenco pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Riccione.

Per informazioni e chiarimenti telefono n 0541/428816  –  428906 orario dalle 8.30 alle 13.30 – mail – buonispesa@comune.riccione.rn.it.