Indietro
menu
Questione comunque aperta

Un video per rilanciare l'allarme sicurezza a Rimini. Ma è del 2019

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 17 nov 2020 19:48 ~ ultimo agg. 18 nov 12:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il video circola da diversi giorni sui social network. Si vede una lite in piazza Ferrari a Rimini con un giovane che a un tratto estrae una pistola. E’ stato rilanciato da molti e oggi citato anche da Marzio Pecci, capogruppo della Lega, in un intervento dal titolo “Rimini scena da far west in piazza Ferrari … problemi di sicurezza” per rilanciare il problema sicurezza in città.

“La presenza della criminalità è in costante aumento e, purtroppo, fino ad oggi, non abbiamo avuto la fortuna di vedere le istituzioni impegnate nella risoluzione radicale del problema”, scrive Pecci che mette a confronto la situazione di piazza Ferrari con l’assiduo controllo riservato invece ai cittadini durante il lockdown e l’attuale coprifuoco.

un frame del video

Una questione, quella della sicurezza, che senz’altro esiste. Il video in questione, da un confronto con le forze dell’ordine, non è di questi giorni ma risale a circa un anno e mezzo fa. Con la possibilità che l’arma brandita dal giovane fosse finta.

Pecci cita anche un video di prostituzione a Rimini sud apparso sui social di recente. Sulla prostituzione a Rimini sud il consigliere comunale della Lega Davide Manfroni ha interrogato nell’ultima seduta del Consiglio Comunale l’assessore Sadegholvaad parlando di una situazione ormai intollerabile. L’assessore non ha negato il problema ricordando i limiti delle possibilità che hanno gli enti locali di contrastare il fenomeno. Ha ricordato le apposite ordinanze predisposte, il potenziamento in corso dell’illuminazione nel parco ex Murri e un nuovo sistema di videosorveglianza allo studio per migliorare il presidio dell’area. Sadegholvaad si è impegnato a riportare il problema in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

Notizie correlate