Indietro
menu
Linee di indirizzo condivise

Nuovo Waterfront di Cattolica. Firmato il Protocollo tra Comune e Sindacati

In foto: la firma
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 27 nov 2020 10:43 ~ ultimo agg. 11:01
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stato firmato il “Protocollo d’Intesa per la qualità e la tutela dei lavoratori negli appalti del progetto Nuovo Lungomare Comune di Cattolica”. Presenti alla firma il Sindaco Mariano Gennari, l’assessore Fausto Battistel e il dirigente del settore Lavori Pubblici Baldino Gaddi, le Organizzazioni sindacali territoriali CGIL Rimini, CISL Romagna, UIL Rimini, e per i sindacati di categoria Renzo Crociati Fillea CGIL Rimini, Roberto Casanova Filca CISL Romagna e Aziz Ibnoerrida Feneal UIL Rimini.

Le linee di indirizzo per procedere al bando di gara, che è stato annunciato per la prossima primavera, erano già state condivise nell’incontro dell’8 Ottobre 2020 e puntualmente riprese nel testo definitivo.

“Si tratta – ricorda una nota congiunta dei sindacati interessati – della salvaguardia del principio dell’offerta economicamente più vantaggiosa che contrasta con la logica del massimo ribasso, del rispetto dei contratti nazionali di settore firmati dai sindacati maggiormente rappresentativi, della responsabilità solidale che impegna il Comune a onorare eventuali mancati pagamenti da parte delle ditte, della clausola sociale a tutela dell’occupazione in caso di cambio di appalto.

Tra i punti che a nostro avviso qualificano ancor di più il Protocollo, c’è il comune interesse per un minor ricorso al subappalto che impoverisce il lavoro e che riduce di fatto le responsabilità in capo al committente e alle imprese appaltanti ed è spesso causa di problematiche in termini di regolarità contributiva e di sicurezza.

Un altro interesse comune che viene ribadito è quello di garantire la regolarità, la sicurezza, la trasparenza e la qualità del lavoro come elemento di contrasto alla corruzione e alle possibili infiltrazioni delle mafie e della criminalità organizzata. A questo proposito il Comune si impegna ad inserire nelle procedure di affidamento/assegnazione dei lavori la clausola che sia verificata la regolarità contributiva (DURC) e relativa congruità e siano effettuati gli altri controlli previsti dalla legge, con particolare riferimento alla documentazione antimafia, che potranno essere oggetto di informativa/confronto con le Organizzazioni Sindacali, anche a seguito di specifica richiesta da parte di queste ultime”.

Attenzione anche al tema della legalità: “Il Protocollo segna un ulteriore passo nel percorso delle buone pratiche di contrasto a chiunque travisi l’interesse pubblico per per fini illegittimi e all’insegna dell’illegalità. Inoltre, è in continuità con quello siglato con il Comune di Rimini per il Parco del Mare e prima ancora richiama e conferma i Protocolli sottoscritti presso la Prefettura nel 2013 sugli appalti pubblici e sulle irregolarità nel settore edile e coerente con il percorso avviato a livello regionale per il rinnovo del Patto per il Lavoro e il Clima”.

 
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione