Indietro
menu
Il confronto in Regione

Eolico. Petitti: si pensa anche a audizione con sindaci. No a strumentalizzazioni

In foto: Emma Petitti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 1 nov 2020 19:46 ~ ultimo agg. 19:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La presidente del Consiglio regionale Emma Petitti interviene nel dibattito sul progetto dell’eolico sulla costa riminese e sulle recenti rivendicazioni da parte di alcuni sindaci riminesi per essere stati esclusi dal dibattito in Regione (al quale sarebbe prevista lo sola partecipazione del presidente della provincia Santi). Ma sentire anche i sindaci è una possibilità sulla quale si sta ragionando. Fondamentale, per la Petitti, è confrontarsi evitando strumentalizzazioni politiche e di sterili polemiche.

“Tutta la costa romagnola è impegnata ad esprimersi su due diverse proposte progettuali di installazione di Pale eoliche che coinvolgono sia l’area riminese che quella ravennate.
Un dibattito che sta coinvolgendo diverse sensibilità (economica, ambientale, tecnica) che hanno espresso approcci e posizioni diverse.
La transizione energetica dal petrolio e dal carbone, verso le fonti rinnovabili e sostenibili non può esaurirsi con posizioni contrapposte, ideologiche o strumentali ma deve vedere un confronto propositivo sul come, per avvicinare le sensibilità. La qualità della balneazione va tenuta assieme alla qualità dell’aria e alla salute dei cittadini.
La posizione della Regione Emilia-Romagna è stata espressa chiaramente dal Presidente Stefano Bonaccini.
Martedì inizia l’audizione della commissione presieduta dalla Consigliera Manuela Rontini e non si esclude dopo aver ascoltato il Presidente della Provincia di Rimini Riziero Santi, di coinvolgere in una successiva audizione i Sindaci della costa per un confronto franco e costruttivo in cui emergano i contenuti al di là delle strumentalizzazioni politiche e di sterili polemiche che non aiutano mai”.