Indietro
menu
scoperto dalla polizia locale

Dodici anni di multe non pagate grazie alla targa contraffatta

In foto: la targa contraffatta
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 9 nov 2020 14:33 ~ ultimo agg. 10 nov 10:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Stufo di pagare, ma probabilmente anche di ricevere a casa le notifiche delle contravvenzioni per divieto di sosta, ha pensato bene di trasformare una “P” della targa del suo furgone in una “B”, aggiungendo, con un pennarello nero, il tratto che mancava alla lettera. Una contraffazione vera e propria costata cara ad un riminese, proprietario di un furgone che aveva ricevuto già tantissime multe – notificate dal 2008 fino al gennaio 2020 – quasi tutte non pagate.

Era già da qualche settimana che le pattuglie della polizia Locale avevano ricevuto dal proprio ufficio una segnalazione su una targa presumibilmente contraffatta, in quanto, dall’inizio dell’estate, ben 10 contravvenzioni – notificate per diversi motivi tra cui divieti di sosta e transito con semaforo rosso – erano tornate al mittente, come se si trattasse di un veicolo con targa inesistente. Una  situazione davvero sospetta, che ha fatto scattare le ricerche del furgone che intanto continuava a circolare e parcheggiare nel centro storico di Rimini.

Il mistero si è risolto sabato mattina, quando la pattuglia, riconoscendo la targa che già da qualche giorno era in evidenza nei documenti degli agenti in servizio, ha intimato l’alt al furgone, proprio in centro. Nel momento del controllo gli agenti hanno costatato non solo che era stata alterata una lettera della targa, ma che il veicolo con la targa reale era stato posto sotto sequestro dai carabinieri perché fermato mentre circolava senza assicurazione e senza revisione.

Si è astenuto dal rilasciare qualsiasi dichiarazione il 77 enne, residente a Rimini, che è stato immediatamente denunciato per falsificazione della targa. Un provvedimento grave a cui si è aggiunta anche la revoca della patente di guida e la confisca del furgone, oltre alle pesanti sanzioni amministrative previste dalle norme violate, per le quali dovrà pagare un totale di oltre 2mila euro. Dagli accertamenti d’ufficio, fatti successivamente alla scoperta della contraffazione, è risultato anche che alla targa originale, prima che venisse alterata, erano intestati un numero elevato di contravvenzioni di cui 68 verbali ancora da pagare per un totale di oltre 20mila euro.

Altre notizie
di Simona Mulazzani
Interventi del doc Garulli e della sua equipe

La chirurgia riminese eccellenza internazionale

di Redazione
di Simona Mulazzani
Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
VIDEO