Indietro
menu
Incidenti ridotti

Autovelox Spontricciolo. Greta Testa (FI) risponde alle accuse di Imola

In foto: Greta Testa
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 9 nov 2020 15:18 ~ ultimo agg. 15:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Greta Testa, consigliere comunale riccionese di Forza Italia, risponde all’accusa di un’intenzione dell’Amministrazione Comunale di Riccione di voler far cassa con l’autovelox sulla SS16 a Spontricciolo avanzata da Simone Imola del PD (vedi notizia).

La Testa si rivolge a Imola in primis nella sua veste di consigliere comunale: “E’ fondamentale che chi rivesta tale ruolo si impegni a garantire il rispetto delle norme senza cercare di offuscarne il loro obbiettivo primario: la tutela del cittadino”.

La Testa parla di “dati e dichiarazioni  rilasciati dal PD volti a destare perplessità e confusione nei Riccionesi al chiaro scopo di mettere in dubbio il lavoro svolto dall’amministrazione comunale”.

Per poi chiarire: “Innanzitutto il tratto di strada della S.S 16 incriminato, alla luce dei fatti risulta essere uno dei più pericolosi all’interno del Comune di Riccione, per questo motivo è assolutamente necessario riporre su di esso una maggiore attenzione. Infatti, sottolineo che è proprio grazie al presidio delle pattuglie del Comando di Polizia di Riccione se ad oggi gli incidenti in quel tratto risultano notevolmente ridotti. Aggiungo poi, che non spetta sicuramente al Consigliere Imola dispensare valutazioni che prescindono dalla competenza e dal merito circa la classificazione dei luoghi di rischio all’interno del territorio. 

In secondo luogo, è significativo precisare che, se ci si attiene esclusivamente ai dati da quest’ultimo riportati, notiamo come l’81% dei “multati” viaggiava in media ai 55 km/h. Errato.  L’81% delle persone viaggiava nell’effettivo ad una media di 60 km/h che, considerato il margine di tollerabilità del 5%  pari a 5 km/h previsto dal Codice della Strada riduce la velocità a 55 km/h. 

In terzo luogo, per essere precisi e trasparenti, riporto che il Comando di polizia di Riccione nei mesi di settembre ed ottobre ha destinato al presidio sul territorio delle pattuglie finalizzate a garantire il rispetto delle normative covid 1235 ore complessive, di cui  720 ore obbligatorie conseguenti all’ordinanza emanata dal Questore, e 515 ore aggiuntive di propria iniziativa, segno di grande sensibilità e serietà verso il tema per cui tengo sentitamente a ringraziare. A tal proposito mi permetto di dare un suggerimento al Consigliere: è fondamentale parlare sempre con cognizione di causa”.