Indietro
menu
post del capo di gabinetto

Al premio Attila il comune risponde al WWF con il premio Pinocchio

In foto: il parco degli Olivetani
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 22 nov 2020 10:27 ~ ultimo agg. 10:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Al Wwf locale il ‘premio Pinocchio’ 2020…ma una nuova estate è sempre possibile!”  A rispondere al WWF locale che ha assegnato il premio Attila per danni ambientali al sindaco di Riccione Renata Tosi (vedi notizia) è il capo di gabinetto Roberto Cesarini con un post su facebook.
Cesarini mette in dubbio la legittimità del gruppo ambientalista, affermando che le valutazioni sono fatte senza essere suffragate da verifiche documentali, e risponde alle situazioni messe in luce:
Questi amici vorremmo invitarli in Municipio, per mostrare l’inganno in cui sono caduti: il Parco degli Olivetani, completato da alcuni anni, era una vasta area acquitrinosa ed impraticabile che è stata restituita alla città come nuovo parco cittadino attrezzato che contempla anche una nuova pineta (dove doveva essere costruita la caserma) ed una spessa quinta arborea di alberi ed arbusti, di varia specie, che costeggia via Einaudi per centinaia di metri. Con unanime apprezzamento di famiglie, cittadini e turisti. Il Parco della Resistenza è oggetto da diversi anni di costante manutenzione ai prati, alle essenze arbustive ed arboree, ed è stato arricchito di un nuovo parco giochi inclusivo e un richiestissimo chiosco-servizi-bar per favorire la socializzazione e l’utilizzo in sicurezza dell’area. Con unanime apprezzamento di famiglie, cittadini e turisti. Il Parco Cicchetti da una condizione di disuso ed abbandono è stato riqualificato e rigenerato aprendolo alla fruizione collettiva come non mai, arricchito con attività di socializzazione e ludico-educative. Con unanime apprezzamento di famiglie, cittadini e turisti. Potremmo anche raccontare agli amici, se volessero, di scelte urbanistiche che hanno impedito l’impermeabilizzazione, asfaltatura e cementificazione di ettari di terreno vergine o le nuove norme incentivanti la transizione energetica carbon-free…se volessero veramente sapere e conoscere
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione