Indietro
menu
Boccia: Natale solo con parenti

A Riccione multe e controlli. Tosi: non vogliamo rinunciare alle feste natalizie

In foto: repertorio
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 12 nov 2020 14:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si fanno ancora più serrati a Riccione i controlli mirati da parte della Polizia Locale contro gli assembramenti, in vista anche della nuova ordinanza regionale che scatterà sabato 14. Da venerdì 6 novembre a mercoledì 11 novembre, i controlli totali sono stati 196. Di questi 89 hanno riguardato la presenza in strada di cittadini dopo le ore 22. Multate 13 persone e ritirate 54 autocertificazioni. Sempre negli ultimi sei giorni gli agenti della polizia locale di Riccione hanno controllato 109 attività, che sono risultate tutte in regola.

I controlli proseguiranno su tutto il territorio comunale con particolare attenzione nel fine settimana.

Per il sindaco Tosi è necessario essere rigorosi e responsabili, perché Riccione non vuole rinunciare al Natale. Proprio questa mattina il Ministro Boccia ha invitato a Natale a festeggiare solo con i familiari stretti. Dichiarazioni che fanno temere che nel periodo delle festività ci possa essere maggiore mobilità e quindi anche la possibilità di vivere qualche giorno di riposo nelle località della Riviera.

“Come era già stato preventivato fin dall’inizio della settimana, per la nostra Regione, sono arrivate delle nuove restrizioni – sottolinea il sindaco di Riccione, Renata Tosi -. Mi rivolgo nuovamente a tutti i cittadini, il rispetto delle norme è indispensabile per poter uscire al più presto possibile da questa strettoia e dare respiro al nostro sistema ospedaliero. Come ho già fatto presente martedì scorso al presidente Bonaccini una decisione era necessaria perché la confusione è dannosa. Per non arrendersi e rinunciare al periodo delle festività di Natale, Riccione ha subito detto che avrebbe fatto la sua parte con rispetto e insieme a tutte le componenti economiche e sociali. Su tutto ciò mi confronterò con le categorie economiche alle quali annuncerò anche la determinazione dell’amministrazione di procedere, con serietà e con rispetto delle norme in vigore, all’organizzazione del Natale. Quest’anno più che mai abbiamo bisogno di ritrovare il nostro tipico spirito riccionese. Quest’anno più che mai le feste di Natale riccionesi, con le sue luci e con la sua atmosfera che scalda i cuori, dovranno essere il nostro brand. Riccione non rinuncia“.

Notizie correlate
La Giunta adotta il nuovo piano urbano

Mobilità sostenibile, ecco come cambia la città

di Redazione   
di Redazione   
VIDEO