Indietro
menu
Tutte le dosi in arrivo

Vaccino antinfluenzale. In Romagna oltre 42mila dosi somministrate

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 20 ott 2020 16:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono oltre 42mila le dosi di vaccino antinfluenzale somministrate dall’Ausl Romagna in una settimana. In Regione sono invece circa 208mila, 203mila somministrate dai medici di medicina generale e le restanti 5 mila dai servizi vaccinali.

Per quanto riguarda la distribuzione, entro la prima settimana di novembre saranno consegnate tutte le dosi programmate, circa 1,2 milioni. Lo rende noto la Regione. Le difficoltà delle ditte distributrici sono legate all’avvio anticipato della campagna vaccinale.

Anche per quanto riguarda le 36 mila dosi cedute alla rete territoriale delle farmacie (il 3% del totale), la Regione sta definendo la distribuzione in modo tale che vengano coperti i punti vendita emiliano-romagnoli.

La Regione Emilia-Romagna si è dimostrata virtuosa anche in questo – spiega Achille Gallina Toschi, Presidente Federfarma Emilia-RomagnaPer consentire una distribuzione rapida ai tanti pazienti che chiedono il vaccino in farmacia, ed evitare i tempi tecnici legati ad un ulteriore passaggio AIFA, abbiamo proposto la distribuzione di queste 36mila dosi con la formula della DPC – Distribuzione Per Conto. Una formula che unisce le migliori condizioni di acquisto da parte del pubblico, con la capillarità delle farmacie, e che potrà essere applicata sia al 3% destinato alle farmacie che alle dosi eventualmente in eccesso non utilizzate per le categorie protette. Questo significa che il cittadino dovrà semplicemente recarsi in farmacia con la richiesta del proprio medico curante. I tempi che viviamo ci impongono scelte e soluzioni rapide e sono orgoglioso di poter dire che la nostra categoria sta rispondendo in un’ottica di servizio, al fianco delle nostre Istituzioni che stanno concretamente dimostrando di saper accogliere proposte funzionali a velocizzare i tempi e garantire servizi ai cittadini. Sono fiducioso che entro i primi dieci giorni di novembre potremo iniziare la distribuzione dei vaccini, in linea con le tempistiche della campagna vaccinale e ben prima del picco influenzale, abitualmente registrato tra gennaio e febbraio”.